QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sostegno alla ricerca sul dolore cronico

I ricercatori Niels Eijkelkamp e Michiel van der Vlist dell’UMC Utrecht hanno ricevuto una cosiddetta sovvenzione “ENW-M-2” di oltre 700.000 euro dall’Organizzazione olandese per la ricerca scientifica (NWO). Useranno questi soldi per ricercare come il corpo può fermare il dolore infiammatorio. In questo modo, sperano di capire cosa non va nelle persone con dolore cronico che non va via. L’obiettivo finale a lungo termine sono nuovi trattamenti per il dolore cronico.

Il dolore dopo l’infiammazione o il danno tissutale di solito scompare nel tempo. Ma questo non accade in una percentuale significativa di pazienti con malattie infiammatorie. Stanno ancora soffrendo, anche dopo che l’infiammazione è scomparsa. Complessivamente, almeno una persona su cinque soffre di dolore cronico. Una grande percentuale di loro ha una condizione infiammatoria, come l’artrite reumatoide, l’osteoartrite o una malattia infiammatoria intestinale (come il morbo di Crohn). Per sviluppare nuovi trattamenti per questo tipo di dolore persistente, gli esperti devono prima capire come si sviluppa naturalmente il dolore infiammatorio. E, soprattutto, come questo tipo di dolore scompare di nuovo.

Consegna centrale elettrica

gruppo di ricerca Dr. Nils Egelkamp Da Centro di immunologia traslazionale La CTI sta cercando da tempo di capire come funziona il dolore (cronico). Alla fine dell’anno scorso, il suo gruppo, insieme a un gruppo Professor Lindy MayardUn articolo scientifico sul ruolo dei macrofagi nel dolore.

I macrofagi sono cellule immunitarie che attaccano e mangiano agenti patogeni. “Sappiamo da tempo che queste cellule hanno molti compiti”, afferma Eaglekamp. “Svolgono anche un ruolo nel fermare il dolore”. I ricercatori hanno scoperto che i macrofagi mitocondriali (le fabbriche di energia della cellula) Può raggiungere le cellule nervose† Queste cellule nervose trasmettono segnali di dolore dai tessuti infiammati, motivo per cui una persona avverte dolore. “Abbiamo scoperto che il rilascio mitocondriale aiuta a fermare il dolore”, afferma Eaglekamp.

READ  "Più temi lo stress, più ti infastidisce" - Wel.nl

Rispondi alle domande

Come funziona purtroppo non è ancora chiaro. Eijkelkamp: “Come si vede spesso nella ricerca scientifica, anche il nostro studio ha sollevato interrogativi”. Con i soldi che NWO ha ora, un esperto del dolore può fare il passo successivo. Farà una ricerca di laboratorio con un immunologo Dr. Michael van der Velstche sa molto sul sistema immunitario (macrofagi).

I due esperti sperano di capire meglio come dialogano tra loro il sistema nervoso e quello immunitario. Otterranno questo risultato rispondendo a una serie di domande. Domande come: come attiri i neuroni connettivi che possono fermare il dolore? Cosa fa sì che i macrofagi fermino il dolore? E cosa cambia esattamente nei neuroni quando ricevono i mitocondri (“fabbriche di energia”) dai macrofagi?

Rispondendo a queste domande, i ricercatori sperano di capire meglio come il dolore post-infiammatorio scompare. “Possiamo utilizzare questa conoscenza per sviluppare nuovi trattamenti per il dolore cronico”, afferma van der Velst. “Quanto sarebbe bello se potessimo un giorno aiutare 1,5 miliardi di persone a liberarsi del loro dolore cronico?”