QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Spiegazione del “medio termine” americano: cosa sono e perché sono importanti? | All’estero

L’8 novembre, due anni dopo l’elezione di Joe Biden alla presidenza degli Stati Uniti, gli americani tornano alle urne. Questa volta per le importanti “elezioni di medio termine”. In tre domande, spieghiamo di cosa si tratta martedì prossimo.


Remy Lyman


Ultimo aggiornamento:
04:24


fonte:
Il Washington Post, i fatti USA, il New York Times

1. Cosa sono le elezioni di medio termine?

“Le elezioni di medio termine”, come dice la parola stessa, sono le elezioni parlamentari di medio termine in corso Centro subordinare termine dalla testa. Si tiene sempre il martedì successivo al primo lunedì di novembre. Quindi quest’anno sarà l’8 novembre.

Il Parlamento degli Stati Uniti è anche conosciuto come il Congresso. Come noi, si compone di due parti: Parlamento contare 435 membri, uno per ogni circoscrizione. Maggiore è la popolazione dello stato, maggiore è il numero dei collegi elettorali e quindi dei delegati. Ad esempio, lo stato più popoloso, la California, ha 53 contee, quindi invia 53 delegati a Washington, DC. Gli stati meno popolati – come l’Alaska o il Montana – hanno un solo distretto e quindi c’è un delegato nella capitale. Tutti i 435 membri della Camera dei rappresentanti sono eletti ogni due anni.


citazioni

Tradizionalmente, il “contrario” va relativamente bene a metà del mandato: Trump, Obama e Clinton hanno perso la Camera dei rappresentanti durante i loro primi mandati.

Altrimenti è dentro SenatoMa 100 membri contare. Ogni stato può inviare due senatori a WashingtonIndipendentemente dalla popolazione. Due senatori del Wyoming (570.000 abitanti) hanno lo stesso potere di due senatori della California (circa 40 milioni di persone).

I senatori sono eletti ogni sei anni, ma sono divisi in tre “gruppi” di 33 o 34 membri. Le elezioni si tengono ogni due anni per uno dei tre gruppi e quindi per un terzo dei senatori. Quest’anno è la volta del Gruppo 3, eletto a novembre 2016 e composto da 34 membri. Quindi ci sono 34 seggi in palio.

L’8 novembre, gli americani eleggeranno anche 36 governatori, diversi parlamenti locali e funzionari locali. Inoltre, in alcuni stati, gli elettori possono parlare in un referendum locale. Tuttavia, in questo articolo ci limitiamo al livello federale.

Il presidente Joe Biden ha condotto una campagna per settimane per far eleggere i membri del suo partito al Congresso. © AFP

2. Perché le elezioni di medio termine sono importanti?

Le elezioni di medio termine sono tradizionalmente una misura delle politiche dell’incumbent. Non è diverso da Joe Biden. Ma è più di un semplice concorso di popolarità. Affinché il presidente in carica possa attuare le promesse elettorali e l’agenda politica, i Democratici devono mantenere il potere al Congresso.

I Democratici ora controllano sia la Camera che il Senato, ma la loro situazione è terribile. Negli ultimi mesi è stata necessaria molta trattativa – anche all’interno del partito – per far passare alcune leggi al Congresso.

Alla Camera dei rappresentanti, i democratici hanno una maggioranza esigua di 220 seggi su 435, rispetto ai 212 dei repubblicani (e 3 seggi vacanti).



Al Senato la “maggioranza” democratica è esile: ci sono 48 senatori democratici, due “indipendenti” che votano per lo più con i democratici e 50 senatori repubblicani. Quindi, in pratica, il numero dei seggi varia tra 50 e 50. In caso di parità decide il Presidente del Senato. Questa è la democratica Kamala Harris, l’attuale vicepresidente. Anche se i Democratici perdono un seggio a favore dei Repubblicani, perdono potere al Senato.



3. Quali sono le aspettative?

Tradizionalmente, la “controparte” si comporta relativamente bene alle elezioni di medio termine. Barack Obama, ad esempio, ha perso la Camera dei Rappresentanti nel 2010, due anni dopo la sua grande vittoria. La stessa cosa è successa a Bill Clinton nel 1994. Anche il repubblicano Donald Trump ha perso la Camera dei rappresentanti nel 2018.

Per Biden, anche le prospettive sono fosche: L’inflazione elevata ei relativi prezzi dell’energia stanno colpendo i portafogli degli americani. I repubblicani incolpano di ciò i soldi che Biden ha sborsato durante e dopo la pandemia, un messaggio che secondo gli esperti risuonerà tra gli elettori. Inoltre, i repubblicani si lamentano dell’aumento della criminalità, dell’immigrazione e dell’indottrinamento della cosiddetta sinistra dogmatica nell’istruzione.

Le donne a New York protestano contro il diritto legale all'aborto negli Stati Uniti.  (08/10/22)

Le donne a New York protestano contro il diritto legale all’aborto negli Stati Uniti. (08/10/22) © AFP

I democratici sperano di radunare molti elettori sulla caduta della legge sull’aborto e sul timore di un potere crescente da parte dei repubblicani di ispirazione Trump. Ecco perché Biden fa del suo meglio per mettere in guardia: “In un anno normale, non avremmo… Se il nostro voto perpetuerà o minaccerà la democrazia. Ma quest’anno accadrà”, ha detto di recente il presidente in una riunione dei Democratici a Washington, DC.

Tradizionalmente, l’affluenza alle elezioni di medio termine è stata molto inferiore rispetto alle elezioni presidenziali. Il 49% degli elettori ha preso parte alle elezioni di medio termine del 2018, che all’epoca erano considerate un’alta affluenza. Più del 61% degli americani ha votato alle elezioni presidenziali del 2020.

Tuttavia, potrebbe esserci un barlume di speranza per i Democratici: in molti stati in cui gli elettori sono già autorizzati a votare, c’erano già più voti espressi rispetto a prima delle elezioni di medio termine del 2018, secondo USAFacts, un fatto indipendente degli Stati Uniti correttore.

Particolare attenzione è riservata ai cosiddetti “stati swing”, dove la differenza tra candidati repubblicani e democratici ai sondaggi è molto piccola. Questi includono Arizona, Georgia, Nevada e Pennsylvania.

La nomina della conservatrice Amy Kumi Barrett alla Corte Suprema è stata controversa, poiché è successo prima della fine del mandato di Trump.  Ma grazie alla maggioranza dei repubblicani del Senato, Trump è stato in grado di anticipare la nomina.

La nomina della conservatrice Amy Kumi Barrett alla Corte Suprema è stata controversa, poiché è successo prima della fine del mandato di Trump. Ma grazie alla maggioranza dei repubblicani del Senato, Trump è stato in grado di anticipare la nomina. © Reuters

I repubblicani dominano il Congresso

Tuttavia, i repubblicani devono conquistare un solo seggio al Senato e altri cinque seggi alla Camera dei rappresentanti martedì per ottenere il controllo del Congresso. Pertanto, è altamente discutibile se i repubblicani saranno ancora disposti a collaborare con le leggi, con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali del 2024. L’ex presidente Trump ha accennato questa settimana ‘Molto molto probabile’ Per partecipare alle primarie repubblicane.

Ciò rende praticamente impossibile per Biden ottenere le sue leggi attraverso il Congresso. Un democratico può quindi quasi dimenticare di nominare giudici federali. E poi i repubblicani faranno di tutto per bloccare le candidature fino a quando non diventerà un altro repubblicano alla Casa Bianca. I repubblicani possono anche mettere ai voti i loro progetti di legge. Si consideri, ad esempio, un divieto di aborto a livello nazionale o addirittura l’avvio di una procedura di impeachment di Biden.

Ogni partito controlla una parte del Congresso

Un possibile risultato è che un partito vinca la Camera dei rappresentanti, mentre l’altro partito controlli il Senato. Se i repubblicani controllano la Camera, ci sono buone probabilità che chiudano le indagini sulla tempesta del 6 gennaio al Campidoglio e inizino le indagini sulle azioni dell’amministrazione Biden. I Democratici non potranno più impedirlo. I Democratici al Senato possono ancora aiutare Biden a nominare i giudici, perché non è di questo che si occupa la Camera.

I democratici mantengono il potere

Se i Democratici mantenessero inaspettatamente il potere al Congresso, darebbe a Biden la possibilità di approvare leggi più progressiste. In questo caso, Biden ha promesso una legge federale che garantisca il diritto all’aborto. Sono possibili anche altri cavalli hobbisti democratici, come migliori protezioni per la comunità LGBTQ+, diritti di voto delle minoranze, politiche climatiche più ambiziose e una rete di sicurezza sociale più generosa.

I democratici potrebbero anche prepararsi a limitare l’impatto di una potenziale presidenza Trump o di un’altra presidenza repubblicana nel 2024. Ad esempio, potrebbero approvare leggi che proteggano meglio i funzionari dalle pressioni della Casa Bianca e stabilire un regolamento speciale per gli informatori.

READ  12 settimane di carcere per il britannico che ha chiuso il centro di vaccinazione e sventato centinaia di vaccinazioni contro il coronavirus Cosa devi sapere