QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sporza Jury Moments (2): “È fantastico che Pojjacar si renda conto del valore della sua famiglia all’età di 23 anni” | Ciclismo

La giuria di Spurza Cycling ha assegnato delle stelle per ogni Classica di Primavera. Ora che tutti i premi sono stati consegnati, stanno pensando a cosa è rimasto con loro dopo la campagna Primavera 2022. Questa mattina vi abbiamo portato la prima scelta, ed è la seconda parte.

1. Jose de Coeur (co-commentatore televisivo): “An Old Attack di Evenbull”

Con un obiettivo belga penso all’ultima gara, la storia di Liegi-Bastogne-Liegi. Un tale attacco da La Redoute, era davvero antiquato.

Remco Evenepoel ha quasi dovuto attaccare lì. Ma se vedi la sua accelerazione, perché non fare lo stesso su Roche-aux-Faucons? Questo mi ha fatto pensare alle versioni future.

Naturalmente c’era molto sentimento, ma come ho detto nella nostra analisi: anche la sua squadra e il suo entourage hanno collaborato su tutte le questioni. Tuttavia, ciò non cambia il fatto che puoi e dovresti dirlo se va bene.

L’immagine è crollata completamente domenica. Confermare o modificare? Non pensavo fosse necessario sottolineare, perché a 22 anni faceva già molto. Ma era soprattutto per se stesso, credo, una liberazione.

2. Bert de Bakker (Analista): “Scelta di Pogacar e Ciclismo nel 2022”

Se dovessi fare i complimenti a qualcuno, mi piace pensare fuori dagli schemi e finire con Tadej Poojakar. Perché non ha iniziato a Liegi-Bastogne-Liegi.

Ha scelto la sua famiglia e i suoi parenti, ed è così bello che a 23 anni se ne rende conto del valore, che mette la sua famiglia in cima alla sua lista di priorità. Non so se avrei fatto lo stesso a quell’età, perché sono stato un idiota professionista per così tanto tempo.

Ricordo sicuramente Matej Muhoric al Milan Sanremo. Anche se penso subito: spero che questa non diventi una tendenza. Mohoric è molto agile e può correggere, gli umani normali no.

Ho anche visto il grande pignone di Victor Campenaerts a Dwars voor Vlaanderen, che è scappato via (per un momento) in discesa con quella grande foglia esterna di toppers inaccessibili. Queste due cose tecniche mi hanno sorpreso. Ho pensato: queste bici sono nel 2022?

Il ciclismo è molto professionale. Viene tolto molto più corpo rispetto a prima e viene esaurito molto più potenziale, ma ci penso ancora due volte: mo

Hanno sfruttato nuove capacità tecniche e tattiche per fare la differenza. Sono piacevolmente sorpreso, ma non commenterò le conseguenze. Perché allo stesso tempo bisogna tenersi stretto il cuore: uno come Muhurik gioca – ad essere molto severo – nella vita e nella morte.

3. Carl Berteele (reporter radiofonico di moto): “Wow performance da Girmay”

Non sono scettico, ma questa primavera non mi renderà le cose facili. Ricordo le esibizioni di Tadej Pogacar a Strade Bianche, Alejandro Valverde al 41 in Flèche Wallonne e Remco Evenepoel a Liegi-Bastogne-Liegi.

Con questi tre, però, sai che hanno o hanno quello dentro di loro: Pogacar ha un motore gigante, non c’è nessun calo in Valverde ed Evenepoel vive per Liegi.

Se a gennaio avessi predetto queste tre cose, molti ti avrebbero creduto. Tuttavia, se dico poi che Biniam Girmay vincerà Gent-Wevelgem…

Ha davvero fatto la storia. Voglio associare questa primavera a una performance straordinaria: la più sorprendente, inaspettata e inaspettata. Quindi la sua vittoria è una bella storia, e anche all’interno di quel processo per la sua squadra.

4 – In Payne (concorrente femminile) “La nuova nascita di Lotte Kobeki”

Da belga ovviamente scegli la vittoria di Lotte Kopecky al Giro delle Fiandre, ma Strade Bianche è ancora in vantaggio.

Quella è stata – dato il passato – una vittoria clamorosa. E questo è principalmente per il modo in cui l’ho fatto: tuffarsi in quell’ultima svolta, tagliare Annemiek van Vleuten.

L’ho fatto con calma, con tanto coraggio e fiducia in me stesso. Questa è stata la nascita della nuova Lotte Kobeki!

5. Martin Vangramburn (conduttore e giornalista): “Un belga può vincere anche la sua prima gara”

Ho gareggiato in tutte le gare eppure ho scelto un momento in cui non ero: Lotte Kubicki imbattuta ad Annemiek Van Vleuten in Via Santa Caterina a Siena.
Lì Lotte Kubiki è diventata la campionessa del mondo.

Non riuscendo a rilasciare una delle migliori motocicliste degli ultimi decenni, lei stessa è arrivata al top del mondo. E poi l’abbiamo visto. Ha vinto il Gran Premio delle Fiandre e avrebbe potuto vincere anche la Parigi-Roubaix.

Quello che penso sia interessante: nella gara femminile ero quasi certo per anni che l’olandese avrebbe vinto.

Ma ora puoi guardare quasi tutte le gare con entusiasmo perché abbiamo anche qualcuno che può vincere. È stata la migliore belga questa primavera, ha vinto le gare più importanti.

6. Bram Tankink (analista): “La fila di Dylan Van Barley”

Dammi solo Dylan Van Barley della Parigi-Roubaix. Lo fa costantemente da anni ea Pasqua la sua classe è venuta alla ribalta. È ancora spesso sottovalutato, perché fino a domenica mancava uno sconosciuto. Non ha davvero rubato quella vittoria a Roubaix.

Continuerò a pensare anche a Matej Muhorek che scende dopo Poggio. Lo chiamo genio, ma allo stesso tempo lo dico subito: non incoraggio altri ciclisti o cicloturisti.

La posta in gioco è davvero alta. Quanto è difficile e veloce affrontare il pericolo per la tua vita? Devi iniziare a pensare alla tua sicurezza da qualche parte.

READ  David Goffin apre bene a Roma battendo la dodicesima testa di serie Hurkacz | Internazionale BNLD Italia