QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Stanchi di zuccheri e grassi? “Una dieta malsana aumenta l’effetto degli stimoli del dolore”

Specialista del dolore Anlene Malfleet Quindi ti chiedi quale sia la tipica cucina fiamminga come bistecca e patatine. “La nostra dieta non è in linea con una dieta sana, anche se la storia è un po’ più complicata di così”.

Coloro che non si sentono in salute, a volte osano cercare cibo malsano. Tuttavia, le persone che pensano che il loro dolore se ne andrà sono deluse. Dopotutto, ciò che mangi ha un impatto sulla gravità del dolore.

“Ecco dove si arriva, anche se la storia è più accurata di così”, ha detto questo pomeriggio la specialista del dolore VUB Anneline Malflett su “Nieuwe Feiten”. Secondo lei, tutto ha a che fare con l’equilibrio: “Se mangi zuccheri o grassi una volta o li mangi in una dieta sana ed equilibrata, nessun problema. Ma se la tua dieta consiste principalmente di grassi, zuccheri e opzioni malsane, soffrirai di più dolore.”

I cibi dolci e grassi riducono il dolore

Quindi la soglia del dolore di qualcuno si abbassa mangiando cose dolci e unte. Questo vale sicuramente per le persone con dolore cronico, ma anche in generale. Zuccheri e grassi rendono il nostro sistema nervoso più sensibile a tutti i tipi di stimoli, compreso il dolore.

Secondo Malevlet, il dolore è un problema complesso: “Ci sono probabilmente diversi fenomeni che contribuiscono a questo. Quello che è certo è che l’alimentazione ha un effetto su come le persone sentono il dolore”.

Ad esempio, alimenti come verdura, frutta e legumi sono molto importanti. Contengono vitamine e minerali essenziali chiamati anche antiossidanti. Questi antiossidanti combattono i radicali liberi dell’ossigeno, un tipo di rifiuto che viene rilasciato durante vari processi nel corpo.

READ  Schurft & Rosé: in studentenhuizen è dit kleine beestje bezig met een opmars

I radicali liberi dell’ossigeno si formano come sottoprodotto della digestione e dell’assunzione di cibo. Questo accade comunque, indipendentemente dal fatto che tu stia mangiando molto sano o malsano. A proposito, questo non è male. In un corpo sano, c’è un equilibrio tra antiossidanti e radicali liberi dell’ossigeno. Se ci sono abbastanza antiossidanti per neutralizzare i radicali liberi dell’ossigeno, non c’è bisogno di preoccuparsi.

Il cervello risponde con più forza ai segnali di dolore

Chiunque consumi molti cibi malsani può sentirsi a disagio di conseguenza. Il cibo malsano assicura la produzione di molti radicali liberi dell’ossigeno. Il cibo malsano è spesso accompagnato da poca frutta e verdura, il che significa che anche il numero di antiossidanti è limitato, e quindi c’è uno squilibrio tra radicali liberi dell’ossigeno e antiossidanti.

Ed è qui che inizia il problema: troppi radicali liberi dell’ossigeno e troppo pochi antiossidanti fanno bruciare completamente il suo corpo. È un’infiammazione sistemica che si verifica in tutto il corpo e non è sfuggita al sistema nervoso centrale. Qui sta il legame con il dolore. Le persone provano dolore a causa del sistema nervoso centrale.

Se il tuo corpo è completamente infiammato, il tuo sistema nervoso centrale invierà segnali di dolore al cervello più velocemente, che reagirà in modo più aggressivo a causa dell’infiammazione. Quindi senti un dolore più veloce e più intenso quando il tuo corpo è completamente infiammato.

Domande sul cibo tipico fiammingo

Con prodotti ad alto contenuto calorico ma con scarso valore nutritivo, come fast food o cioccolato, il nostro corpo non può fare molto. Secondo Malevlet, non è una buona idea considerare la tipica dieta fiamminga.

READ  Il cancro alla vescica spesso non viene riconosciuto nelle donne

“La nostra cucina tipica fiamminga tende spesso ad avere una dieta malsana. Quando pensiamo a classici come involtini di maiale o bistecca con patatine fritte, dobbiamo ammettere che hanno poca varietà, molto grasso e poca verdura. Inoltre, spesso cosa Fiamminga al forno con burro al posto dell’olio d’oliva.”

“La conclusione, quindi, è semplice: il nostro cibo non può corrispondere a una dieta sana. Sarebbe meglio passare al triangolo alimentare sano che conosciamo. È stato preparato in modo completamente diverso dalla dieta fiamminga standard”.

Storia più complicata

Malflett sottolinea, tuttavia, che le persone con dolore cronico a volte sono aiutate da una dieta diversa, ma in realtà è una storia più complicata di così: “Il dolore cronico è un problema di stile di vita. Il cibo è spesso un ingrediente su cui possiamo lavorare”. Se queste persone modificare la loro dieta in una dieta sana, avrà sicuramente un effetto positivo.

Ma se anche loro non sono attivi, si siedono molto e dormono poco, allora solo occuparsi della dieta non sarà sufficiente per curare il loro dolore cronico. Devi rispondere a diversi fattori. Naturalmente, ciò non cambia il fatto che l’alimentazione è una componente importante per cui possiamo sicuramente ottenere risultati”.

Ascolta l’intera conversazione su Radio 1 Scegli

Fonte: vrtnws.be e nuovi fatti