QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Stiamo assistendo a ondate di calore senza precedenti”: gli scienziati avvertono di un possibile ritorno di El Niño quest’anno

Una precisazione. © Agenzia per la protezione dell’ambiente

L’anno prossimo dovremo affrontare nuovamente El Niño. Il riscaldamento globale aggrava il fenomeno meteorologico, che può portare a ondate di calore senza precedenti. Lo si evince dalle previsioni del Met Office del Regno Unito, il British Meteorological Service.

cosìFonte: Guardiano

El Niño e La Niña sono due fenomeni meteorologici opposti che costituiscono El Niño Sistema di oscillazione del sud di El Nino. Comporta un cambiamento temporaneo della temperatura del vento e del mare in alcune parti dell’Oceano Pacifico. In poche parole: El Niño ha un effetto riscaldante e La Niña raffredda la Terra. Questa è una media di 0,2 gradi.

La Niña ha prevalso negli ultimi tre anni, ma secondo il Met Office del Regno Unito, entreremo in un El Niño entro la fine dell’anno, che spingerà le temperature globali a livelli senza precedenti.

Il 2016 è stato l’anno più caldo al mondo dall’inizio delle misurazioni e anche il fenomeno El Niño ha svolto un ruolo importante in questo. Il tasso di riscaldamento globale è attualmente di 1,2 gradi, ma secondo il Met Office del Regno Unito, è molto probabile che raggiungeremo 1,5 gradi a causa di El Niño.

meteo più rigido

Tutto questo sarà accompagnato da condizioni meteorologiche senza precedenti, afferma Adam Scaife, che dirige il braccio di previsione a lungo termine dell’agenzia. “Sappiamo che il cambiamento climatico aggraverà gli effetti di El Niño”, ha detto al Guardian. E poi bisogna tenere conto anche degli effetti del cambiamento climatico stesso, anch’essi sempre più gravi. Se metti insieme queste due cose, potremmo assistere a ondate di calore senza precedenti durante il prossimo El Niño”.

Precedenti previsioni del Met Office del Regno Unito dicevano che il 2023 sarebbe stato più caldo del 2022. Ma a causa degli effetti ritardati di El Niño, il 2024 potrebbe essere più caldo. Lo scienziato del clima James Hansen e altri ricercatori della Columbia University di New York hanno messo in guardia su questo. Pensiamo che il 2024 supererà i record e sarà l’anno più caldo mai registrato. Tuttavia, secondo l’analisi, anche un po’ di El Niño “dovrebbe essere sufficiente per stabilire temperature record”.

Secondo Scaife, ora è importante prepararsi. “Grazie alla scienza, possiamo prevedere questo tipo di fenomeno con mesi di anticipo. È importante prepararsi bene. A cominciare dalla disponibilità dei servizi di emergenza a piantare altre colture”.

READ  L'estate sta arrivando: la prossima settimana le temperature raggiungeranno i 23 gradi, e poi potrebbe fare più caldo