QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Stile di vita dopo il trapianto di rene: lavoro da fare

La motivazione a condurre uno stile di vita sano è solitamente molto alta tra le persone che hanno subito un trapianto di rene. Ma hanno bisogno di aiuto per farlo, dice il Prof. Dr. Gorgan Navis al suo pensionamento. I nefrologi hanno trascurato questa parte vitale del loro lavoro per troppo tempo, mentre ci sono opportunità per trarne vantaggio.

I pazienti sottoposti a trapianto di rene sono particolarmente motivati ​​a rimanere il più sani possibile in seguito. “Questo ha senso, perché hanno recuperato le loro vite dopo un processo di dialisi lungo e spesso estenuante”, afferma Naves. “Le malattie renali provocano tremende sofferenze. Spesso si pongono la domanda su cosa possono fare da soli per rimanere in salute. Ho sempre spiegato loro che possono fare la differenza attraverso uno stile di vita sano e che possono farlo solo da soli, ma li aiuteremo nel miglior modo possibile”.

L’idea persistente che una mancanza di motivazione ostacoli il cambiamento dello stile di vita non vale per la maggior parte dei pazienti trapiantati, dice Naves. “Se le cose non vanno bene, è fin troppo facile incolpare la mancanza di motivazione. Come nefrologi, abbiamo molto lavoro atteso da tempo”.

Aumenta di peso e mangia meno cibo

Le persone ingrassano rapidamente dopo un trapianto di rene. Naves: “Il prednisolone che stanno assumendo provoca aumento di peso e stimola anche l’appetito. Quindi guadagnano in media cinque chilogrammi nel primo anno, con un picco di quindici chilogrammi. Una volta ho incontrato un paziente in un gruppo di trapianti che semplicemente non riconoscevo più perché di questo. Quindi noi come patologi Reni pensiamo: mangiano molto. L’ho imparato anche durante la mia formazione. Ma ovviamente puoi solo misurare ciò che queste persone stanno effettivamente mangiando. E cosa è successo quando abbiamo iniziato a farlo? Che eravamo completamente sbagliato. Mangiano di meno, e quindi ottengono meno di tutti i nutrienti. Per sale, potassio e proteine, abbiamo già a disposizione questi numeri per vent’anni, ma pensavamo di conoscerli così bene che non li abbiamo mai guardati sistematicamente».

READ  Nonostante la sindrome di Asherman, Petra ha ancora un bambino

Dopo il trapianto, le persone non solo mangiano meno sale, ma mangiano anche meno potassio. “Mangiano meno verdure dell’olandese medio e anche meno proteine. Un terzo del loro apporto proteico è inferiore a 1 grammo per chilogrammo di peso corporeo. Alcuni sono anche meno di 0,8 grammi, che è un determinante indipendente di mortalità e povertà qualità della vita. Allora sarai molto stanco”, dice Naves. Quindi non sei più in grado di muoverti, il che ti fa ingrassare. Un circolo vizioso. È importante notare che un’elevata assunzione di proteine ​​non solo migliora la qualità della vita e la sopravvivenza , ma migliora anche la sopravvivenza dei reni”.

Dopo il trapianto, le persone non solo mangiano meno sale, ma mangiano anche meno potassio. “Mangiano meno verdure dell’olandese medio e anche meno proteine. Un terzo del loro apporto proteico è inferiore a 1 grammo per chilogrammo di peso corporeo. Alcuni sono anche meno di 0,8 grammi, che è un determinante indipendente di mortalità e povertà qualità della vita. Allora sarai molto stanco”, dice Naves. Quindi non sei più in grado di muoverti, il che ti fa ingrassare. Un circolo vizioso. È importante notare che un’elevata assunzione di proteine ​​non solo migliora la qualità della vita e la sopravvivenza , ma migliora anche la sopravvivenza dei reni”.

Non succede da solo

Il punto è che queste persone hanno dovuto seguire una dieta povera di proteine ​​durante il periodo in cui avevano una malattia renale. Lo stesso problema si verifica nell’area dell’assunzione di potassio. “Abbiamo sempre insegnato a queste persone al momento della dialisi che il potassio era pericoloso per loro”, dice Naves. “Questo si attacca. Ma dopo il trapianto, un’assunzione molto bassa di potassio è un fattore indipendente di morte. Quindi è importante che mangino abbastanza verdure. Solo ora ci rendiamo conto che dopo il trapianto, quando la dieta di dialisi è finita, le persone non inizieranno automaticamente mangiare.” di nuovo sano, e che la paura del potassio sarà in loro per molto tempo. Quindi è meglio guidare le persone nel passaggio da una dieta (pre)dialisi a una dieta sana e tenere conto della loro storia, non solo dal punto di vista medico ma anche in termini di dieta”.

READ  Contando i morti nelle favelas del Brasile: "come in guerra"

Ciò che non aiuta, dice Naves, è che le linee guida non hanno ancora affrontato questo problema. “Questo di per sé è vero”, dice. “Dopotutto, le modifiche alle linee guida devono essere supportate da una buona evidenza scientifica e per molto tempo non sono disponibili dati validi sulla relazione tra nutrizione ed esiti dopo il trapianto. Ma i dati attuali mostrano che questo deve essere affrontato rapidamente nel linee guida”.

Aggiunge che le linee guida dovrebbero prestare maggiore attenzione alla relazione tra trapianto di rene ed età. “Si tratta per lo più di pazienti anziani. La metà della popolazione anziana sana ha in realtà meno vitamine o addirittura una carenza. Nella nostra comunità malata, questo è un problema molto grande che potrebbe benissimo spiegare alcune delle loro debolezze. Anche le linee guida sono in ritardo quest’area.”

abilità alimentari

Allo stesso tempo, sostiene Navis, i nefrologi non dovrebbero aspettare che le linee guida vengano modificate, perché molti miglioramenti sono già possibili all’interno delle linee guida esistenti. “Sostenere i pazienti in modo significativo è ora possibile”, afferma. “I dati sul loro schema alimentare sono un punto di partenza importante. Quando viene chiesto, i nostri pazienti hanno essenzialmente bisogno di consigli pratici: migliori capacità alimentari. Questo approccio pratico è stato molto trascurato nel mondo dello stile di vita, forse perché le conoscenze teoriche sono sopravvalutate nella nostra società. Come parte di una linea di vita di studio1 Abbiamo esaminato il modo in cui le persone mangiano secondo le linee guida sulla dieta sana dell’Health Council. Si scopre che quasi nessun gruppo demografico lo fa, ma le donne anziane praticamente lo fanno. Hanno appreso abilità sanitarie presso la scuola di scienze locale. Dobbiamo colmare di nuovo quel divario tra competenze teoriche e pratiche”.

READ  Vivere con l'epilessia: "È difficile, ma puoi comunque goderti la vita"

C’è un ruolo per un nefrologo in questo? “Sì”, dice Naves con enfasi. “Non in senso esecutivo, ovviamente. I nefrologi non sono la parte che guiderà il laboratorio di cucina. Ma dobbiamo prestare maggiore attenzione all’importanza di insegnare le abilità sanitarie ai pazienti con reni e per questo abbiamo bisogno di una collaborazione strutturale con i paramedici. Abbiamo per organizzarlo.Non dovrebbe dipendere dal singolo dietista se il paziente è dotato di queste capacità.Dovrebbero essere parte integrante delle istruzioni che il paziente riceve durante un trapianto di rene.A questo proposito,è bello che la carriera di un lifestyle coach si sta sviluppando così tanto.Questo può essere utile in questo senso, a condizione che abbia un background in About care. Anche un’infermiera che ha seguito unità correlate può svolgere questo ruolo. Ma qualunque professionista se la cava bene, dobbiamo comunque iniziare per fare molto di più insieme”.

Gorgan Naves ha lavorato come internista e nefrologa presso l’UMC Groningen fino al suo pensionamento lo scorso maggio. Nel 2000 è diventata Professore Ordinario di Nefrologia Sperimentale e nel 2015 si è aggiunta la Cattedra di Nutrizione in Medicina. Nella sua ricerca si è sempre concentrata sulla grande importanza preventiva della gestione dello stile di vita per prevenire il deterioramento della funzionalità renale e le complicanze del danno renale. È l’iniziatrice del concetto di Lifestyle Medicine, Lifestyle Medicine as Medicine e Fondatrice di Lifestyle Medicine presso UMCG. In occasione del suo ritiro, fu nominata cavaliere nell’Ordine del Leone olandese.

fonte:

  1. www.lifelines.nl/over-lifelines