QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Studio G DATA: gli olandesi non segnalano mai messaggi di testo falsi

Una ricerca di G DATA, una delle principali società di sicurezza informatica, mostra che almeno il 79% degli olandesi non segnala messaggi di testo falsi. La segnalazione di messaggi di testo falsi e altre forme di criminalità informatica è fondamentale in quanto consente di indagare sui colpevoli. Insieme, tutti i report consentono di consolidare le informazioni e fornire informazioni sul comportamento dei criminali informatici. Maggiori sono le informazioni, maggiori sono le possibilità che l’indagine venga portata a termine con successo.

L’indagine, condotta tra 1.500 olandesi e belgi, ha mostrato che la maggior parte degli olandesi che ricevono messaggi di testo falsi agisce poco o niente. Solo il 52% elimina il messaggio e il 17,5% dei destinatari non fa nulla. Sorprendentemente, i giovani spesso non intraprendono alcuna azione rispetto agli anziani. Almeno il 40% delle persone di età compresa tra 18 e 24 anni non fa nulla, mentre questo è solo l’11% tra i gruppi target più anziani (55+). C’è anche una grande differenza quando viene chiesto se i partecipanti riconosceranno un messaggio di testo falso. Oltre l’80% dei giovani e di mezza età (18-44 anni) crede di riconoscere messaggi di testo falsi. Nella fascia di età più avanzata (45+ anni), questa percentuale è solo del 41 percento.

Ai partecipanti è stato anche chiesto quanti messaggi di testo falsi avevano ricevuto nell’ultimo anno. La maggior parte dei partecipanti (57%) ha ricevuto da 1 a 4 messaggi, il 34% ha ricevuto da 2 a 4 messaggi e il 22% ha ricevuto 1 messaggio. Alcuni partecipanti hanno ricevuto più di 4 messaggi di testo falsi, il 16% ha ricevuto da 5 a 10 messaggi e il 6% ha riferito di aver ricevuto più di 10 messaggi di testo falsi. Per fortuna c’erano anche i partecipanti (26%) che non hanno ricevuto messaggi di testo falsi.

READ  Il rischio di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo è stato evitato per ora, ma resta la vigilanza: il mondo

Quasi il 20% ha indicato che (molto probabilmente) non riconoscerebbe i messaggi di testo falsi. La maggior parte delle lettere false ricevute dai partecipanti olandesi era a nome di una banca (61%), servizio postale (55%), autorità fiscali (29%), società di carte di credito (16%) o agenzia di riscossione (14%) . Queste percentuali erano diverse in Belgio. Hanno ricevuto la maggior parte delle lettere a nome del servizio postale (95%), banche (55%) o autorità fiscali (35%). Sorprendentemente, i partecipanti belgi (17%) hanno ricevuto più messaggi di testo falsi su COVID-19. Nei Paesi Bassi, solo il 4% degli intervistati ha ricevuto un simile messaggio di testo.

“I messaggi di testo falsi stanno diventando sempre più comuni e sono lo strumento perfetto per un attacco di phishing. Dopotutto, lo smartphone è un collegamento indispensabile nelle nostre vite digitali e contiene molti dati preziosi per i criminali informatici. Tuttavia, questa ricerca conferma che noi stanno ancora sottovalutando in modo significativo i pericoli di Internet mobile”, ha affermato Eddie Willems, evangelista della sicurezza presso G DATA CyberDefense. “Soprattutto per le organizzazioni, è essenziale utilizzare una tecnologia di sicurezza adeguata e formare costantemente i dipendenti sui rischi. Inoltre, è sempre importante segnalare messaggi di testo falsi e segnalare l’organizzazione il cui nome è stato utilizzato in modo improprio. È possibile presentare una report tramite spam. Dopotutto, la mancanza di informazioni sull’entità del crimine informatico rende difficile per la polizia e le società di sicurezza identificare le tendenze e rintracciare i colpevoli”.

Questo articolo è una presentazione e non è responsabilità degli editori.