QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Studio: più casi di infezione a lungo termine nelle persone con un background immigrato |  Lancio

Studio: più casi di infezione a lungo termine nelle persone con un background immigrato | Lancio

ANP Productions | fonte: AP

Amsterdam

Gli olandesi con origini immigrate hanno maggiori probabilità di contrarre il COVID-19 rispetto ad altri. Lo studio UMC di Amsterdam riporta che il rischio a lungo termine di contrarre il virus dopo aver contratto il virus è superiore del 50% tra i turchi olandesi rispetto alle persone senza origini immigrate. Secondo il Professore di Migrazione e Salute Charles Agyemang, molte persone soffrono “in silenzio”.

Circa un quarto delle persone che finiscono in ospedale con infezione da coronavirus soffre di disturbi a lungo termine. Tutti i gruppi di immigrati dello studio avevano maggiori probabilità di contrarre il virus a lungo termine rispetto agli altri olandesi. Le donne che erano nell’unità di terapia intensiva con un ventilatore erano a rischio più elevato rispetto agli uomini.

Le persone di origine immigrata avevano già una maggiore possibilità di essere infettate durante la pandemia, ma anche di entrare successivamente in terapia intensiva o di morire. Secondo Agyemang, gli stessi fattori che hanno contribuito alla disuguaglianza svolgono anche un ruolo nell’aumentare la probabilità a lungo termine di contrarre il virus tra i gruppi di immigrati. Ad esempio, secondo lui, questi gruppi hanno un lavoro mediamente meno retribuito, per il quale spesso devi anche essere sul posto. Quindi una persona che si ammala in una situazione del genere potrebbe avere meno probabilità di rimanere a casa. “Perché ci deve essere anche il pane sulla tavola.” Spiega che chi aspetta più tempo per andare dal medico in caso di una grave infezione da Corona ha maggiori possibilità di finire in terapia intensiva, e chi ci è stato ha un rischio maggiore di infezione da Corona virus a lungo termine .

READ  Infezione da influenza aviaria nelle galline ovaiole nell'allevamento di pollame di Zeewolde: in vigore il dazio nazionale di confinamento | notizia

coscienza

Secondo lo studio, è emerso che i sintomi che le persone sviluppano variano ampiamente. I pazienti di origine turca soffrono maggiormente di vertigini, dolori muscolari e articolari, mentre le persone di origine marocchina soffrono spesso di palpitazioni e disturbi del sonno.

Secondo Agyemang, molte persone con denunce di coronavirus a lungo termine soffrono in silenzio, “perché le persone in queste comunità di immigrati non sono a conoscenza dell’esistenza di questa condizione”. Ha descritto la consapevolezza della condizione e il miglioramento dell’accesso all’assistenza sanitaria per questi gruppi come “essenziale per affrontare queste disparità di salute”.

Per indagare sulle conseguenze a lungo termine della corona per pazienti di diversa estrazione, Amsterdam UMC ha collaborato con le università di Copenaghen e Stoccolma. I ricercatori hanno studiato i dati su quasi 1.890 persone, tra cui pazienti Hindustani, Surinamesi, creoli del Suriname e pazienti marocchini e turchi. Lo studio è stato pubblicato questa settimana sulla rivista scientifica The Lancet Regional Health Europe.