QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Studio realistico della sopravvivenza senza progresso

Uno studio francese nel mondo reale riporta che mogamolizumab fornisce una sopravvivenza libera da progressione di 22 mesi nei pazienti con linfoma cutaneo a cellule T refrattario (CTCL) che hanno ricevuto almeno una terapia sistemica.

Mogamolizumab è un anticorpo monoclonale che prende di mira il chemocettore 4 (CCR4) presente sulla superficie delle cellule tumorali nella micosi fungoide avanzata e/o nella sindrome di Sézary. Poiché sono state fatte poche ricerche sulla sua efficacia e sui potenziali effetti collaterali in un contesto reale, questo studio si è concentrato sull’efficacia del farmaco sulla base della sopravvivenza libera da progressione. Le misure di esito secondarie erano la tollerabilità e il tempo stimato per gli effetti collaterali.

Non vi è alcun pregiudizio di selezione

Tra ottobre 2018 e 1 settembre 2021, i ricercatori hanno raccolto dati da 6 ospedali universitari francesi su 21 pazienti con CTCL refrattario avanzato. I ricercatori hanno seguito i pazienti fino a quando non hanno interrotto l’assunzione del farmaco a causa di ricaduta o tossicità, o fino all’endpoint del 1 settembre 2021. Il tempo di follow-up mediano è stato di 11,6 mesi.

Sopravvivi al progresso libero

Dei 21 pazienti, 4 hanno ottenuto una risposta completa e 8 hanno ottenuto una risposta parziale. Inoltre, 1 paziente è rimasto stabile, 3 pazienti sono progrediti e 5 sono morti, tra gli altri, per infezioni gravi, arresto cardiaco e crisi viscerali. Le analisi statistiche hanno stimato la sopravvivenza libera da progressione a 22 mesi.

Profilo di sicurezza accettabile

Inoltre, 20 pazienti hanno mostrato effetti collaterali. In 10 di loro questi erano gravi (terza e quarta elementare). Il tempo mediano dall’inizio del trattamento con mogamulizumab alla comparsa della prima reazione avversa è stato di 21 giorni. I ricercatori definiscono accettabile il profilo di sicurezza: è in linea con precedenti studi clinici. Inoltre, questo è il primo studio sugli eventi avversi in un contesto reale, poiché non esistevano criteri di esclusione per la comorbidità.

READ  VWS: aumento dell'uso di maschere FFP2 per l'assistenza sanitaria | notizia

fonte

Jouandet M, L’Orphelin JM. Effetto di mogamolizumab nei linfomi cutanei avanzati a cellule T nella vita reale: uno studio multicentrico retrospettivo. EADV 2022, Estratto 552.