QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sul pulsante dei grassi “sani” scoperto dai ricercatori LUMC

“Quando sentiamo freddo, il nostro cervello invia un segnale attraverso i nervi al tessuto adiposo bruno”, afferma il professore di endocrinologia Patrick Rensen. Questo segnale attiva le cellule di grasso bruno, che a loro volta bruciano le molecole di zucchero e grasso dal sangue. Non si tratta solo di anidride carbonica2 Libero si espira, ma anche il calore che riscalda i nostri corpi. Rensen ei suoi colleghi hanno ora scoperto quale “pulsante” sulle cellule di grasso bruno viene attivato da un segnale proveniente dal cervello.

Attivazione del grasso bruno come trattamento?

I ricercatori scrivono che questo è il futuro della beta2 Rapporti sulle cellule della medicina. “Con questa conoscenza possiamo creare nuovi catalizzatori che attivano il grasso bruno. In teoria, questo approccio potrebbe invertire il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari, perché l’attivazione del grasso bruno con il freddo non solo riduce il grasso corporeo, ma anche la quantità di glucosio”. , dice Rensen.

La ricerca sugli esseri umani

Rensen e colleghi hanno precedentemente dimostrato che la stimolazione dei recettori beta-3 nei topi attiva il grasso bruno, in modo che i topi non solo perdano grasso corporeo, ma sviluppino anche meno aterosclerosi. È stato riscontrato che le cellule adipose umane non contengono quasi recettori beta 3. La stimolazione dei recettori beta 2 sembra attivare le cellule adipose brune in vitro. Ora i ricercatori lo hanno effettivamente dimostrato negli esseri umani.

“Abbiamo somministrato salbutamolo a 10 volontari. Questo è un mimetico specifico del recettore beta2. È stato riscontrato che aumenta significativamente l’assorbimento di grasso bruno dello zucchero radiomarcato, a meno che il recettore non sia bloccato. Lo abbiamo dimostrato attraverso le scansioni PET-TC in collaborazione con il dipartimento di radiologia”, dice. Dice Rensen.

READ  Ogni anno a seicento frisoni viene diagnosticato il cancro al colon e questo numero è in crescita

Prevenire gli effetti collaterali

In definitiva, Rensen spera di trattare le persone a rischio di sviluppare diabete di tipo 2 e/o malattie cardiovascolari con agonisti del recettore beta 2. Ma prima che ciò accada, i ricercatori hanno ancora molto lavoro da fare. Rensen: “Il primo passo sarebbe trovare una sostanza che attivi solo questo recettore nelle cellule di grasso bruno”. Il recettore beta 2 si trova anche in altri tessuti del corpo. Quindi, prima dobbiamo trovare un modo per mirare specificamente a tali fattori scatenanti sul grasso bruno. In questo modo possiamo prevenire gli effetti collaterali di questi stimoli in altre parti del corpo”.