QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sulla mappa: I comuni con la copertura vaccinale più bassa sono a Bruxelles

Bruxelles vuole fare del suo meglio per raggiungere un tasso di vaccinazione del 70% entro metà luglio. Ma il divario con le Fiandre è ampio, come mostra una rapida occhiata alla mappa delle vaccinazioni. Alcuni comuni di Bruxelles hanno i punteggi più bassi del paese.

La campagna di vaccinazione nella nostra capitale sta rallentando, questo è chiaro. La scorsa settimana nella regione di Bruxelles sono stati somministrati 62.000 vaccini, di cui quasi 29.000 erano le prime dosi. Tuttavia, devono essere effettuati almeno 50.000 primi scatti ogni settimana per raggiungere il 70% per tutti i residenti adulti di Bruxelles entro la metà di luglio.

Con la notte – mentre i DJ illuminano il centro di vaccinazione – squadre mobili di vaccinazione e persino il bus di vaccinazione Regione per rafforzare la copertura vaccinale. Ma l’ambizione del 70 per cento potrebbe svanire gradualmente. Il 56% della popolazione di Bruxelles è (parzialmente) vaccinato. Entro la prossima settimana saranno circa il 60 percento.

La mappa del Belgio mostra l’arretrato di Bruxelles. La zona è un’isola di colore chiaro in un mare di blu. Più scuro è il colore, maggiore è la percentuale di adulti che hanno ricevuto il primo vaccino. I comuni belgi con la copertura vaccinale più bassa si trovano a nord e ad ovest di Bruxelles.

A titolo di confronto: nelle Fiandre, il 70 percento della popolazione ha ricevuto un primo colpo e il numero di persone nell’elenco di riserva di Qvax è chiaramente in calo. Le star sono la West Flemish Lichtervelde, Hooglede e Antwerp Vorselaar, con il 90% degli adulti che è stato punto almeno una volta.

Inge Neven, capo dell’Ispettorato sanitario di Bruxelles, non è rimasta sorpresa dai risultati in diversi comuni di Bruxelles. Il basso tasso di vaccinazione è attribuito ai diversi background culturali e al basso stato socioeconomico. Inoltre, la popolazione di Bruxelles è giovane. La maggior parte dei giovani è difficile da convincere, perché sanno di non contrarre questa malattia dall’infezione da Corona. Per loro il valore aggiunto della vaccinazione non è così grande, come pensano.

Il contesto socio-economico spiega anche la differenza tra comuni settentrionali, come Molenbeek e Anderlecht, e comuni meridionali, come St. Peters, Lowe, Uckel Watermill e Poetsford. In quelle prime aree troverai le famiglie più povere e più numerose, che difficilmente beneficiano della prevenzione sanitaria e sono svantaggiate dalla tecnologia digitale. Nevin ammette che è difficile raggiungere queste persone.

Antenna di vaccinazione

Tuttavia, la regione di Bruxelles vuole fare tutto ciò che è in suo potere per dare loro una possibilità. Nevin fa l’esempio di Sint-Joost-ten-Node, dove è stata creata la cosiddetta “antenna di innesto”. Le persone segrete entrano in discussioni con alcune popolazioni che non vogliono un vaccino, perché cadono sotto l’incantesimo delle teorie della cospirazione. Rispondiamo alle loro domande, forniamo le giuste informazioni e li indirizziamo al centro di vaccinazione. Queste campagne locali ci forniscono altri 100 vaccini ogni settimana. Ogni piccola parte conta.

READ  Cinque casi di miocardite sono stati segnalati a seguito della vaccinazione Pfizer

Se il confronto è fatto con altre (grandi) città, non dobbiamo certo vergognarci.

Engy Nevin

Ispettorato sanitario a Bruxelles

Nevin confuta l’immagine che Bruxelles sia la pecora nera della campagna di vaccinazione. “Se fai un confronto con altre (grandi) città, non dovremmo assolutamente vergognarci”, afferma Nevin, osservando che il tasso di vaccinazione è alto quanto a Charleroi e La Louvier. In termini di vaccinazione, Bruxelles ha ottenuto risultati migliori di New York, Manchester e Parigi. Non raggiungeremo mai le percentuali come nelle Fiandre, ma continueremo a fare il possibile. Le nostre azioni e iniziative sono semplici.