QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Tassa comunale uniforme sulle strade: “Dovremo demolire le stazioni di ricarica”

Tassa comunale uniforme sulle strade: “Dovremo demolire le stazioni di ricarica”

Bruxelles dispone attualmente di circa 6.800 stazioni di ricarica. Attualmente viene tassato solo a Ixelles e Sint-Gillis, dove la tassa è rispettivamente di 281 e 180 euro per presa. A marzo la Conferenza dei sindaci avrebbe deciso di imporre la stessa tassa sulle stazioni di ricarica in tutti i comuni il tempo. Ciò è stato confermato dal presidente del Congresso e sindaco di Etterbeek Vincent De Wolf (MR).

“Si tratta di un bene pubblico che viene preso in consegna. Chi ha un’auto elettrica la lascia lì tutto il giorno e la parcheggia senza pagare. Chi ha un’auto normale deve pagare. Non è giusto”, giustifica De Wolf con la tassa comunale. “Sarebbe insensato prendere una decisione diversa in tutti i comuni”.

La proposta sarà nuovamente all’ordine del giorno della Conferenza dei sindaci mercoledì. L’obiettivo è quello di imporre una tassa di 125 euro per presa (una stazione di ricarica pubblica di solito ha due prese) a partire dal 2025.

“trappola fiscale”

“O dobbiamo demolire le stazioni di ricarica, o dobbiamo trasferire i prezzi ai consumatori, o dobbiamo subire una perdita ogni anno”, risponde Martin Michelsens di EnergyVision, che ha partecipato a bandi pubblici dalla regione di Bruxelles ed è uno dei gestori di stazioni di ricarica attive.

“Ogni anno in cui rimaniamo attivi qui subiamo una perdita”, afferma Michelsens. “Speriamo che ritorni il buon senso e che potremo ritornare alla situazione concordata. Altrimenti dovremo iniziare a smantellare le stazioni di ricarica”, ha aggiunto.

L’organizzazione dei datori di lavoro di Bruxelles Voka Metropolitan sottolinea che l’idea è in conflitto con l’ambizione di Electroify.brussels di installare 22.000 stazioni di ricarica a Bruxelles entro il 2035. “È un grande obiettivo a cui diversi attori privati ​​sono stati invitati a contribuire”, afferma Rene Konings, direttore di Voka Metropolitan, raggiungendo questi obiettivi”.

READ  Otto fiamminghi su dieci si sentono raramente o mai insicuri nel loro quartiere

“Ora dobbiamo concludere che queste società sono cadute in una trappola fiscale a Bruxelles”. Secondo Konings, ciò mette a rischio il modello di fatturato degli operatori delle stazioni di ricarica e “rischia che la regione non riesca a realizzare le sue ambizioni”.

‘proporzionale’

Il ministro dell’Energia di Bruxelles, Alain Maron (Ecolo), si rammarica di non aver consultato gli operatori delle stazioni di ricarica, ha affermato il suo governo. “Electroify.brussels è un successo, con oltre 6.200 punti di ricarica a disposizione del pubblico. Nel 2018 erano solo quattrocento”.

Maroun dice di aver chiesto ai suoi colleghi ministri del governo locale, delle finanze e del bilancio del governo uscente di Bruxelles, Bernard Clerfayt (DVI) e Sven Gatz (Open VLD), di verificare se queste “tasse comunali sono compatibili con i principi fiscali”. Fondo di compensazione”.

In base a questo accordo tra la regione e i comuni, “i comuni ricevono sussidi regionali e si impegnano a non aumentare le tasse locali sulle attività economiche”, secondo il governo maronita. Il Ministro sottolinea che “per qualsiasi nuova tassa che possa avere un impatto sullo sviluppo economico locale e regionale, occorre presentare una richiesta di esenzione alla Regione”.

“Se gli enti locali vogliono imporre tasse, questo deve essere fatto in modo coordinato e proporzionato, e ovviamente in modo unitario tra i 19 comuni”, conclude il ministro a Bruxelles.