QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Termina l’incontro mal riuscito con il tecnico della Juventus Agnelli …

Il presidente della Juventus Andrea Agnelli è lo spauracchio dopo il fallimento della Premier League. Nota: nell’edizione del quotidiano italiano Corriere dello Sport, mercoledì è stata pubblicata un’intervista con il capo di Oude Dame. Una conversazione sul suo sogno quando una caramella è crollata.

Leggi anche. Chi è “il serpente” Andrea Agnelli, il presidente della Juventus che ha svolto un doppio ruolo ed è la figura centrale dietro la Premier League?

Appena due giorni dopo che dodici migliori squadre europee hanno annunciato la loro partecipazione alla Premier League, ne rimangono solo quattro: Real Madrid, Barcellona, ​​Atlético de Madrid e Juventus. Il presidente del Real Madrid Florentino Perez, che è anche il presidente della Premier League ora sospeso, è stato presentato già martedì Un’intervista sulle loro motivazioni.

“La Premier League non è una competizione per ricchi, è una competizione di solidarietà per salvare il calcio. Le grandi squadre sono più attraenti e generano più soldi. Sta invecchiando. Le grandi squadre avranno più soldi e potranno comprare giocatori. Se perdiamo. soldi, tutto crollerà come un castello di carte. Allora “Dobbiamo questo cambiamento ai tifosi. Tutto migliorerà con la Premier League, compreso il video assistente arbitro e l’arbitro”.

“La migliore competizione al mondo”

Il House of Cards è già crollato, proprio come la stessa casa della Premier League. Quindi le parole di Andrea Agnelli adesso sono particolarmente dolorose.

“C’è un legame di sangue tra i club partecipanti”, ha detto l’italiano della Juventus. “Entriamo. Il progetto può funzionare? Sì, abbiamo il 100% di possibilità di successo. I giovani di oggi vogliono guardare i grandi eventi. Quindi al momento siamo costretti a fare dei cambiamenti. Ecco perché abbiamo creato una competizione che fa quello che fai tu. su piattaforme digitali, come FIFA) Videogioco, editor). O come i campionati in cui giocano con Fortnite e Call of Duty. È così che avviciniamo il calcio a loro “.

READ  Buschies si rivolge a De Weaver dopo la sconfitta a De Conta ...

Agnelli ha aggiunto: “Il 40 per cento dei giovani tra i 16 ei 24 anni non ha alcun interesse per il mondo del calcio”. E quel calcio sta attraversando una “crisi colossale” e di conseguenza sta perdendo l’interesse delle nuove generazioni. “Il fatto che gli stadi siano chiusi per un anno non aiuta i tifosi di età compresa tra i 10 ei 15 anni”, ha detto l’italiano, che ha anche affermato di voler offrire solo i benefici della “piramide del calcio”, in consultazione con UEFA e Federcalcio. “Questa non è una minaccia per i campionati nazionali, saremo solo lì”, sembra.

“Giocheremo in tutti gli stadi di Italia, Spagna e Inghilterra”, ha detto Agnelli, smentendo le voci di partite in Asia e Qatar, ad esempio. “La ricompensa di 350 milioni di euro all’anno è una bugia. Vogliono escluderci? No, non lo è. Sarebbe un reato se ciò accadesse. Queste minacce sono illegali. Se ciò dovesse accadere, non parleremo più di monopolio. ma piuttosto su una dittatura (dalla UEFA, redattore). Vogliamo solo stare vicino ai nostri fan. Quello che facciamo è completamente legale perché vogliamo solo creare la migliore competizione al mondo. E voglio sottolineare questo, è una competizione aperta perché ci sono cinque posti che possono essere occupati da altri club “.