QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Terreni Agricoli Biologici Italia +7,5%

Terreni Agricoli Biologici Italia +7,5%

Gli oliveti sono la coltura più importante nel panorama agricolo biologico in crescita in Italia, con un aumento della superficie di 25.600 ettari dal 2021 al 2022. Secondo un nuovo rapporto del Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, la quantità di terreni agricoli biologici è aumentata del 7,5% dal 2021 al 2022, rispetto al 5,4 e all’1,7% nel biennio precedente.

© Stefania Valvola | Dreamstime. com

In particolare, 2.349.880 ettari di superficie agricola attiva italiana sono gestiti con pratiche di agricoltura biologica, pari al 18,7 per cento del totale. Il governo definisce i terreni agricoli attivi come pascoli, praterie permanenti, colture arboree e giardini domestici.

L’Istituto italiano di servizi per il mercato agroalimentare (Ismia) riferisce che il numero di operatori biologici aumenterà dell’8,9 per cento tra il 2021 e il 2022. Di queste 92.779 imprese, 82.627 sono imprese agricole.

Durante la presentazione, Fabio del Bravo, responsabile dello sviluppo rurale di Ismia, ha affermato che durante questo periodo i terreni agricoli biologici attivi sono cresciuti fino a raggiungere circa 160.000 ettari, di cui gli oliveti rappresentano il 16%.

Un aumento di ettari 25,600 rende gli oliveti biologici un importante contributo all’attuale espansione dell’agricoltura biologica del paese. I vigneti biologici sono cresciuti del 7%.

Secondo il rapporto, la Toscana ha il terreno agricolo biologico più attivo nella regione italiana, al 36,8%. In Puglia, la più grande regione produttrice di olive del paese, il 24,7% dei terreni agricoli è ora biologico.

Del Bravo ha affermato che le cifre del rapporto mostrano che l’espansione intensiva dei terreni agricoli e la capacità delle aziende agricole biologiche di competere sul mercato dipendono dai finanziamenti dell’UE e dai programmi di sviluppo nazionali.

READ  Nave da trasporto anfibio Vestzak varata in Italia verso il Qatar

Inoltre, il rapporto mostra che la domanda interna di prodotti alimentari biologici è ancora in ritardo, con un aumento dello 0,5% dal 2021 al 2022. Solo l’1,6% della spesa dei consumatori per alimenti biologici va all’olio d’oliva biologico e ad altri grassi vegetali.

Durante la presentazione, Del Bravo ha affermato che diversi fattori contribuiscono alla lenta crescita del valore degli alimenti biologici venduti ai consumatori. Il fattore più importante è l’inflazione, che è del 6,4% annuo. L’inflazione influisce sul potere d’acquisto delle famiglie e sulle preferenze di acquisto delle famiglie.

Poiché il divario tra gli alimenti biologici e le loro controparti convenzionali è ampio, le famiglie spesso non scelgono alimenti biologici.

La stagnazione della domanda è una delle sfide più importanti per il settore dell’agricoltura biologica. Nonostante ciò, secondo il rapporto, il settore dell’agricoltura biologica italiana mostra una straordinaria vitalità grazie al finanziamento della Politica agricola comune dell’UE e alla maggiore cooperazione tra diverse aziende e associazioni di produttori biologici.

Inoltre, del Bravo ha affermato che il settore dell’ospitalità (ristoranti, hotel e caffè) è sempre più interessato a offrire prodotti naturali ai clienti.

Durante la presentazione, i funzionari del governo italiano hanno confermato di voler rafforzare i programmi di sviluppo esistenti e la comunicazione pubblica aziendale sui benefici per la salute del consumo di alimenti biologici.

Fonte: tempi dell’olio d’oliva