QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Terrorizzato dal virus RS, ma da nessuna parte: i bambini vengono trasferiti in un altro ospedale

Ieri mattina intorno alle 6:30 – Santo Stefano – Cheyenne ha allattato artificialmente il suo bambino, Melody. La ragazza ha subito notato che la ragazza respirava pesantemente. “Il suo stomaco continuava a ritirarsi completamente. Doveva davvero fare del suo meglio per prendere aria.”

‘Questo non è buono’

Anche il bambino aveva una grossa crescita, appariva pallido e la pelle sotto la bocca era un po’ bluastra. Ho pensato che questo non va bene. Ho subito lanciato l’allarme.

Nello studio del medico di Maastricht si sentiva una piccola melodia. Usando una specie di maschera, viene somministrato un medicinale che rende il bambino meno soffocante. “Sono venuti sempre più medici e infermieri. Tutti hanno subito pensato al virus della RS. Ci è stato detto che doveva essere portata in ospedale”.

La messa in scena di molti bambini è piena, ma niente panico

Associazione professionale di infermieri e assistenti dei Paesi Bassi (V&VN) Ieri ho riferito che molti circuiti integrati per bambini sono pieni A causa di una combinazione di RS, influenza e altre infezioni respiratorie. Secondo V&VN, a causa della folla, attualmente non c’è posto per i paesi vicini dove portare bambini dai Paesi Bassi.

Niente panico, ha sottolineato lunedì la pediatra e presidente dell’Associazione pediatrica olandese Karole Elle. Secondo Eli, nessun IC – ci sono sette bambini nei Paesi Bassi – “ha dovuto pensare di trasferirsi all’estero”.

Il livello di ossigeno nel sangue di Melody era troppo basso. Bisognava trovarle un posto appena fuori Maastricht. Sono diventato Weert.

madre impotente

“Ero completamente sconvolta”, dice mamma Cheyenne. “Cosa mi sta succedendo adesso”, ho pensato quando sono salito su questa ambulanza. Lungo la strada, Melody si mette un tubo dell’ossigeno nel naso. “Ho cercato di mantenere la calma. Ma poi sei così impotente come madre. Sei ancora così giovane.”

READ  Quello che sappiamo sull'infezione da epatite osservata nel Regno Unito

Cheyenne ha deciso di fregarsene e ha lasciato che ti arrivasse tutto per un po’. “Naturalmente speri di non dover andare all’ospedale un po’ più lontano. Ma ovviamente è molto positivo che tutto questo sforzo sia stato fatto per te.”

Mentre la madre dice a Cheyenne al telefono che per fortuna Melody sta migliorando rapidamente, il bambino stesso emette suoni di approvazione in sottofondo. “Sta parlando di nuovo, sì. Sta parlando di nuovo. Ieri sera non aveva più bisogno di ossigeno.”

riprendersi dalla paura

A proposito, il risultato del test che dovrebbe mostrare ufficialmente se è correlato al virus RS deve ancora arrivare. “Ma qui non ci sono dubbi.” Sperano di tornare a casa domani per riprendersi dal trauma insieme.

Angela Borsboom ha assistito alla stessa cosa all’inizio di questo mese in un’altra parte dei Paesi Bassi. Suo figlio di 13 mesi, Irai, è stato ricoverato in ospedale a Capelle aan den IJssel per una settimana con RS. Non c’era nessuna stanza nell’ospedale di Rotterdam dove inizialmente erano entrati.

poco ossigeno

Anche Erai sta balbettando allegramente oggi. Lunedì 12 dicembre era diverso. “Aveva la febbre e ho visto come stava diventando sempre più ristretto. Ho visto la sua pancia sulle costole continuare a tirare dentro mentre respirava.”

Attraverso il loro medico di base, sono finiti al pronto soccorso di Rotterdam verso mezzogiorno. Anche qui si scopre: troppo poco ossigeno nel sangue. “Ha subito avuto un tubo dell’ossigeno nel naso. Ha prelevato il muco dal naso e dalla gola con un batuffolo di cotone. Ho pensato di fare un test per il corona, ma volevano anche un test per RS”.

READ  Ci sono ancora più amputazioni rispetto a prima della crisi di Corona - De Gooi

molto malato

L’ultimo virus si rivela presto essere il colpevole. “Ci è stato detto che Iray dovrebbe essere accettato, ma non c’è posto a Rotterdam”.

Il bambino può andare a Capelle aan den IJssel. E così questa mamma era improvvisamente in un’ambulanza con il suo bambino. “I paramedici sono stati molto gentili e questo mi ha rassicurato molto”.

Non importa quanto siano premurosi, il divertimento è ovviamente diverso. “Era molto malato. Ero davvero preoccupato. Soprattutto quando si è scoperto a Capel che aveva bisogno di più ossigeno di quello che stava effettivamente ricevendo, e per un po ‘mi ha colpito.”

Asciugamano morbido

Uno strofinaccio, così descrive suo figlio Irai quando è molto malato. Strofinaccio che ha anche bisogno di essere nutrito con un tubo per alcuni giorni: “Era così debole, non era bello vedere il tuo bambino così”.

Dopo più di una settimana, Erai è stato autorizzato a tornare a casa, dove continua a riprendersi. “Tossisce ancora molto, ma per fortuna sta guarendo”.

Come per Melody nel Limburgo, per Iray non è stato necessario il ricovero nell’unità di terapia intensiva pediatrica. Ma in queste unità di terapia intensiva private hanno le mani impegnate con altri bambini malati.

Tuttavia, questa situazione non è insolita per la stagione RS, afferma Karole Ellie, presidente dell’Associazione pediatrica olandese. Secondo lui, la pressione sui circuiti integrati per bambini è attualmente paragonabile a quella del 2018 e del 2019.