QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Tesla riceve una multa di 1 milione di dollari in Corea del Sud per aver ingannato la gamma al freddo – Immagine e suono – Notizie

L’autorità di regolamentazione del mercato della Corea del Sud ha multato Tesla di 2,1 milioni di euro perché il produttore di veicoli elettrici non ha informato adeguatamente i clienti sull’autonomia in condizioni di freddo. Questa gamma può essere inferiore fino al 49,5% al ​​freddo.

Tesla ha violato la legge sulla pubblicità della Corea del Sud con tre false affermazioni, Dichiarato dalla Commissione per il commercio equo e solidale della Corea del Sud. La società avrebbe ingannato i clienti con l’autonomia dei veicoli elettrici, perché pubblicizzava, ad esempio, la Model 3 con un’autonomia di 446,1 chilometri. Secondo il Ministero dell’Ambiente della Corea del Sud, questo intervallo è corretto, ma solo a temperature comprese tra 20 e 30 gradi Celsius e con un misto di chilometri in autostrada e in città.

Se la Model 3 Long Range dovesse operare in condizioni più fresche e solo nel centro della città, il veicolo non supererebbe i 220,7 chilometri, afferma il ministero dell’ambiente della Corea del Sud. Tuttavia, Tesla afferma solo sul suo sito Web che un’auto a batteria piena può percorrere una certa distanza, ad esempio 446,1 chilometri. Secondo il regolatore, la società non indica adeguatamente che questo potrebbe essere la metà inferiore in altre condizioni, come al freddo.

La Fair Trade Commission punta anche al sito americano di Tesla, dove l’azienda afferma che l’intervallo indicato è massimo. Sul suo sito web sudcoreano, la società afferma che un cliente potrebbe essere in grado di guidare più dell’autonomia specificata.

Il regolatore sta inoltre assegnando una multa di 2,852 miliardi di KRW perché la società sudcoreana non è chiara sull’efficienza della rete di ricarica Supercharger. Ad esempio, Tesla pubblicizza che la Model 3 Long Range può percorrere 247 chilometri con un tempo di ricarica di 15 minuti, ma anche la Fair Trade Commission lo trova fuorviante. Dopotutto, quel tempo di ricarica dipende dalla velocità della stazione di ricarica utilizzata, dalla temperatura esterna e dalle condizioni della batteria, che Tesla non comunicherà abbastanza chiaramente ai clienti.

READ  L'Europa approva l'acquisizione di Thalys da parte di Eurostar | Economia

Infine, la società avrebbe anche indotto in errore i clienti con affermazioni di risparmio che i clienti avrebbero ottenuto, perché dopo aver acquistato una Tesla non avrebbero più dovuto acquistare benzina o diesel costosi. La Fair Trading Commission afferma che Tesla ha violato la legge dall’agosto 2019.