QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Test domiciliari in preparazione per la diagnosi precoce di insufficienza renale, malattie cardiache e diabete

Lo screening del cancro del colon ha dimostrato che i test a casa sono per malattie potenzialmente gravi. È attualmente in corso una sperimentazione per la diagnosi precoce di danni renali, malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2 attraverso l’autotest. L’intento è che tra cinque anni possa iniziare lo screening nazionale della popolazione tra i 50 ei 75 anni.

Identificando e trattando i casi in anticipo, la perdita di salute causata da questo gruppo dovrebbe essere ridotta del 25% nei prossimi 10 anni.

“Un gran numero di olandesi soffre di insufficienza renale, malattie cardiache o diabete a loro insaputa”, ha affermato il ricercatore Ron Gansevoort, medico interno e nefrologo presso la MC University Groningen. Il test misura se ci sono proteine ​​nelle urine, viene eseguito un test del battito cardiaco e c’è un questionario. “Il test della frequenza cardiaca viene eseguito tramite un’app sullo smartphone. In questo modo possiamo rilevare il tipo di aritmia e dare consigli”.

prevenire l’esacerbazione

Gansevoort afferma che il danno renale cronico è irreversibile e può avere gravi conseguenze. Ecco perché è così importante identificarlo in una fase iniziale. Per l’esperimento, in quattro regioni – Breda, Utrecht, Arnhem ed Eindhoven – un totale di circa 160.000 persone di età compresa tra 50 e 75 anni sono state invitate a sostenere tale test a casa.

In caso di esito positivo, saranno chiamati per un esame di follow-up. “Le proteine ​​nelle urine potrebbero indicare danni ai reni, di solito causati da ipertensione, diabete e/o colesterolo alto”. Dopo un esame di follow-up, presso un centro diagnostico regionale, le persone ricevono, ad esempio, consigli sullo stile di vita o farmaci. In questo modo, l’assistenza regolare è facilitata il più possibile.

READ  Schurft & Rosé: in studentenhuizen è dit kleine beestje bezig met een opmars

Non andare dal dottore

Un pilota è stato recentemente giustiziato a Breda. Il 60% degli invitati ha partecipato. La maggior parte di loro è stata anche sottoposta a un ulteriore esame con esito positivo. “Se qualcosa è andato storto, è stato consigliato loro di andare dal medico di famiglia, ma solo il 50 percento delle persone segue quel consiglio”, osserva Gansefort. “Ovviamente non stiamo raggiungendo bene le persone, o la comunicazione sta andando male. Oppure la soglia del medico di famiglia è troppo alta. Ora stiamo lavorando su un approccio diverso, ad esempio una configurazione simile a un ufficio di consulenza”. Non solo l’esame può essere fatto lì, ma anche il trattamento può essere effettuato.

Nel pilota, le lezioni apprese nella prima area di test vengono riportate a quella successiva. Quindi il test non verrà eseguito in tutte e quattro le aree contemporaneamente, ma verrà eseguito uno per uno. “Si spera che entro cinque anni saremo in grado di introdurre uno screening nazionale della popolazione”.

La ricerca, chiamata Check @ Home, è un’iniziativa di Kidney Foundation, Heart Foundation, Diabetes Trust e Dutch Heart and Vascular Alliance. Ci sono 1,5 milioni di persone nei Paesi Bassi con malattie cardiovascolari, 1,7 milioni con danni renali cronici e 1 milione con diabete di tipo 2. Il numero dovrebbe solo aumentare, in parte a causa dell’invecchiamento della popolazione.