QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Testimoni hanno affermato che la Russia sta deportando i cittadini di Mariupol nei territori occupati

Secondo il vice primo ministro ucraino Irina Vereshuk, circa 40mila civili sono già stati trasferiti nei territori occupati dalla Russia senza che il governo ucraino abbia voce in capitolo in merito. Le immagini satellitari mostrano un campo temporaneo stimato in 5.000 persone a est della città.

Cinque minuti per evacuare

Il ministero della Difesa ucraino ha affermato che i civili dalle terre ucraine occupate vengono trasferiti in Russia. Su Facebook, il ministero ha riferito che gli ucraini vengono inviati in “regioni economicamente svantaggiate”. “Un certo numero di regioni settentrionali sono state menzionate come destinazioni finali, in particolare Sakhalin”. Quell’isola si trova nel nord del Giappone, a circa 7.000 chilometri da Mariupol, dove il corvo è in linea d’aria.

“Siamo stati presi tutti con la forza”, ha detto alla BBC un rifugiato di Mariupol che ora si ritiene si trovi in ​​Russia. Il sindaco ad interim della città, Serhiy Orlov, ha detto alla radio pubblica britannica che i soldati russi si erano recati in rifugi per civili per sollecitarne l’evacuazione da parte dell’esercito russo.

Secondo Orlov, i soldati russi hanno detto ai residenti di Mariupol: “Guarda, hai cinque minuti per evacuare”. Se i residenti camminassero per alcune miglia nella direzione designata, arriverebbero automaticamente su autobus che li porterebbero nel territorio controllato dalla Russia. “Se non vai, questa casa sarà bombardata in un’ora”, ha detto Orloff.

Una volta in Russia, i cittadini ucraini avranno un posto di lavoro, secondo il ministero della Difesa. “Coloro che saranno d’accordo riceveranno documenti che impediscono di lasciare le regioni russe per due anni”, ha detto il ministero su Facebook.

Critica della Croce Rossa

Lo scorso fine settimana, le stesse autorità ucraine hanno cercato, senza successo, di aiutare i civili bisognosi a fuggire da Mariupol. I rifugiati possono essere ricevuti dalla città costiera di Berdyansk, un luogo situato a decine di chilometri a ovest di Mariupol. Secondo il vice primo ministro, Vereshuk, un convoglio di autobus stava aspettando lì per portare le persone in aree più sicure. Coloro che sono riusciti a uscire da Mariupol in auto possono fare il pieno gratuitamente a Berdyansk, ha detto Vereshuk in un videomessaggio da Kiev.

L’Ucraina accusa la Croce Rossa di legalizzare le deportazioni dell’esercito russo con il loro aiuto. Il progetto dell’agenzia di soccorso internazionale di aprire un ufficio a Rostov-on-Don, una città russa a poche ore di auto da Mariupol, è stato oggetto di critiche particolari. L’Ucraina ha ora chiesto alla Croce Rossa di rinunciare all’incarico.

La stessa Croce Rossa smentisce tutte le accuse. Si dice che l’organizzazione umanitaria abbia assistito solo a due evacuazioni dalla città di Sumy, nel nord dell’Ucraina, in un’altra area controllata dall’Ucraina. “Non sosterremo alcuna operazione che vada contro la volontà dei civili e dei nostri principi”, ha affermato la Croce Rossa.

READ  vivere la guerra in Ucraina Kiev: i negoziati continueranno in digitale venerdì - L'Ucraina segnala un attacco missilistico a un deposito petrolifero a Dnipro | Guerra tra Ucraina e Russia