QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Thijs Zonneveld di Vive le Vélo: ‘Questa è la continuazione del ritorno di Jacobsen’ | Vive Le Velo

È come la sceneggiatura di un film. Quasi due anni fa, Fabio Jacobsen è stato in bilico tra la vita e la morte dopo la sua pesante caduta al Giro di Polonia, ed è ora vincitore di tappa al Tour de France. In Vive le Vélo, l’editorialista Thijs Zonneveld ha espresso la sua ammirazione per l’improbabile fiaba del corridore olandese. “Pensava che ora avrebbe lavorato in una fabbrica e invece avrebbe vinto una tappa del tour”.

Thijs Zonneveld è saltato all’ultimo minuto quando Bradley Wiggins ha annullato la malattia per Vive le Vélo. Non c’è ospite migliore a un tavolo di un editorialista olandese per aver spiegato l’impressionante storia di Fabio Jacobsen dopo il grave incidente aereo del Giro di Polonia.

“Questo è un traguardo in rimonta. Sapevamo che non sarebbe stato sorprendente se avesse vinto una tappa del Tour, considerando il numero di gare che ha vinto l’anno scorso. Ma a volte devo davvero essere sicuro della data in cui è caduta”.

O la data in cui mi sono seduto di fronte a lui quando ha rilasciato un’intervista per la prima volta e quanto fosse devastato allora. Il suo futuro era un grande punto interrogativo. Non sapeva nemmeno se poteva ancora andare in bicicletta o andare in bicicletta e di certo no se potesse. Potrebbe essere un corridore di alto livello. Era Natale 2020, quindi appena un anno e mezzo fa. “

“Il suo contratto è poi durato fino alla fine del 2021 e aveva già in mente uno scenario che avrebbe lavorato in una fabbrica quest’anno. Invece, ora sta vincendo una tappa del Tour. Dobbiamo fare quel passo indietro ogni volta”.

A Natale 2020 non sapeva affatto se sarebbe stato ancora in grado di pedalare e di certo non correre ai massimi livelli. Era appena un anno e mezzo fa.

“Come si è lanciato di nuovo, questa è la parte migliore del suo ritorno”

Zonneveld ha visto Jacobsen cambiare dopo la sua pesante caduta. “Quando aveva 18 anni era arrogante. Ha scherzato con tutti dicendo che aveva davvero la bocca più grande sul tavolo con il suo staff tecnico. Quando ha vinto gli Scheldeprijs, era più un ragazzo”.

“Dopo il crollo, le cose sono cambiate radicalmente. Nella sua intervista dopo Kuurne-Bruxelles-Kuurne, ha immediatamente alluso alla guerra in Ucraina. È cresciuta letteralmente in un colpo solo”.

Non solo Jacobsen ha fatto uno sprint a Nyborg, ma non ha evitato un duello con Peter Sagan, che ha rischiato come al solito. Jacobsen si gettò in questi tumulti senza paura. “Penso che sia stata la cosa migliore del suo ritorno. La domanda era se sarebbe migliorato fisicamente, ma se ti saresti buttato di nuovo in quel modo…”

“Ha dovuto letteralmente chiedere alla sua fidanzata: stai bene con me in bicicletta? Neanche lei sembra, va a sedersi in cucina quando c’è uno sprint. Sagan è uno dei più grandi blocchi di cemento del gruppo. Se lui cerca di metterti da parte e tu non ti muovi. Un pollice, non riesco a immaginare che tu osi. “

Jacobsen: “Sono 10 anni più saggio tra un anno e mezzo”

Fabio Jacobsen ha anche parlato brevemente a Vive le Vélo con Martin Vangramburn. A differenza del suo compagno di squadra Yves Lambert del giorno prima, Jacobsen era già a conoscenza.

“Posso crederci. Sono stato all’altezza e ci si aspettava anche da me. Sono contento che ce l’abbia fatta e che posso servire tutti in questo modo.
Paga “.

“L’atmosfera nella squadra era buona ieri dopo la vittoria di Yves. Ero felice per lui e lo volevo anch’io. Ha detto subito: ‘Domani verremo da te. È fantastico quello che Yves ha fatto per me. È tornato così dopo quella caduta ha mostrato il suo carattere. È in ottima forma. E un grande compagno di squadra”.

Martin ha voluto sapere se Jacobsen avesse effettivamente ricevuto una lettera da Mark Cavendish. “Non ho ancora controllato il mio telefono, ma sono sicuro che sia felice per me. Mi ha anche consigliato oggi di affidarmi ai miei compagni di squadra, perché quella è la squadra di vertice. Ho seguito quel consiglio”.

Jacobsen non è più il fantino caduto, ma potrebbe essere il miglior corridore del mondo? Lo spero, almeno oggi credo. È quasi una favola, sono così grato di potermi sedere qui e parlarne”.

Questa fatale caduta in Polonia cambiò radicalmente il carattere di Jacobsen. “IO
Non mi arrabbio più e non nomino più le persone. Non ne vale la pena. Sono diventato dieci anni più saggio in un anno e mezzo”.

Talk show in cui Karl Vanukerke ei suoi ospiti ripercorrono il giorno dell’ultimo tour. Sami Nirink è di nuovo qui per i rapporti sulla pancia del gruppo o per grandi storie lungo l’itinerario del tour. E ovviamente non può mancare la sezione “Touristique” per portare un tocco di Francia nel soggiorno fiammingo. Gli ospiti sono Jan Bakelants, Bradley Wiggins e Brian Holm.

Guarda questo programma su VRT NU

giro Data Tipo di guida L’inizio della fine il totale vincitore capo
1 Cronometro unico Copenaghen – Copenaghen 13,2 km Lambert Lambert
2 corsa su strada Roskilde – Nyborg 202,2 km Jacobsen dall’art
3 corsa su strada Vejle – Sonderborg 182 km
4 corsa su strada Dunkerque – Calais 171,5 km
5 corsa su strada Lilla – Arenberg 157 km
6 corsa su strada Panca – Longue 219,9 km
7 corsa su stradastadio semimontano Tomblin – La Planche des Belles Filles 176,3 km
8 corsa su stradastadio semimontano Dole – Losanna 186,3 km
9 corsa su stradastadio semimontano Aquila – Chatelaw 192,9 km
10 corsa su stradastadio semimontano Morzine – Megève 148,1 km
11 corsa su stradatappa di montagna Albertville – Col de Granon 151,7 km
12 corsa su stradatappa di montagna Briancon – Alpes d’Huez 165,1 km
13 corsa su stradastadio semimontano Le Bourg-d’Oisans – Saint-Étienne 192,6 km
14 corsa su stradastadio semimontano Saint-Étienne – Mendia 192,5 km
15 corsa su stradastadio semimontano Rodez – Carcassonne 202,5 ​​km
16 corsa su stradastadio semimontano Carcassonne – Foix 178,5 km
17 corsa su stradatappa di montagna Saint-Gaudens – Pyragodes 129,7 km
18 corsa su stradatappa di montagna Lourdes – Otakam 143,2 km
19 corsa su strada Castelnau-Magnoac – Cahors 188,3 km
20 Cronometro unico La Capel Marival – Rocamadour 40,7 km
21 corsa su strada Stadio La Défense di Parigi – Parigi 115,6 km
READ  Frkotren: Oggi non comunicheremo di Raphaelov Jupiler Pro League