QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Tim van Aelst e Sophie Peters sono sinceri sul passato: “Avevo già più di un grammo di Coca Cola e ne volevo ancora” |  BV

Tim van Aelst e Sophie Peters sono sinceri sul passato: “Avevo già più di un grammo di Coca Cola e ne volevo ancora” | BV

BV“Sapevo che, se avessi continuato così, sarei morto”, dice Tim Van Aelst (45) senza mezzi termini. In una nuova intervista, il produttore televisivo parla candidamente del suo passato di droga. Anche la sua compagna, Sophie, sembra avere i suoi demoni. “Sono vent’anni che non sono in contatto con mio padre.”

“Voglio ispirare le persone. Aiutarle. Perché ora so che puoi uscirne pulito ed essere molto felice”, dice Tim van Aelst sulla sua tossicodipendenza nella “Gazette van Antwerp”. Il produttore televisivo ammette, tra l’altro, di essere stato dipendente dalla cocaina. “Non ho fatto molta Coca-Cola, ho usato molta Coca-Cola.”

Ansia da ansia

Van Aelst è ora riuscito a liberarsi dal vizio. Tuttavia, si è rivelato un compito non facile. Dice che ha provato innumerevoli volte, ma ogni volta che è a una festa, non riesce proprio a resistere. Finché non si è svegliato una mattina e ha detto: “Questo era l’ultimo residuo della mia ansia”.

È stato anche un periodo difficile per la compagna di Tim, Sophie. “Quell’ultima notte ero così arrabbiato e preoccupato.” Nel “Gazet van Antwerpen”, Van Aelst, che in passato è stato anche lui in una clinica di riabilitazione, afferma di aver consumato più di un grammo nella serata in questione. “È molto. Ma volevo di più. “Sapevo che se avessi continuato così sarei morto. Subito dopo ho avuto un’idea molto chiara: Tenz, ieri ho annusato l’ultima riga.

Guarda anche. A settembre, Tim e Sophie hanno staccato la spina dalla società di produzione Shelter: Most Popular Productions at a Glance

READ  Presto Pauline allo Sportpaleis farà le valigie: 'Reggie è giovane nel cuore, ma potrebbe essere mio padre' | Musica

uomo complicato

Ma il creatore di “Benidorm Bastards” non è l’unico che ha davvero lottato. Anche Sophie stessa ha dovuto elaborare un po’ negli ultimi anni. Ad esempio, non aveva contatti con suo padre da vent’anni. “È un uomo complicato. Io ero un criminale che era in prigione”, dice ora. Quindi, quando si tratta di suo padre, Peters è molto attento.

Continua: “Abbastanza astuta da togliermi un braccio quando si è avvicinato a lui. Quindi devo stare attenta, proteggermi”. Ma vuole anche liberarsi presto dei suoi demoni e iniziare un nuovo capitolo. “È ora che io lo perdoni per tutto. Come regalo per me stesso. Quindi lo chiamerò presto.”

Guarda anche. Tim e Sofie hanno vinto un Emmy il prossimo novembre 2021

Leggi anche:

Molto successo, però, Tim e Sophie sono riusciti a fermare il rifugio: “Ho perso quella passione pura per un po’” (+)

Addio senza una nomination agli Emmy per Billie vs. Benjamin di Tim Van Aelst

Il creatore di Benidorm Bastards, Tim Van Aelst, stacca la spina dopo tredici anni di successo nella produzione di Shelter: “Non ho idea di cosa farò”