QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Timothée Chalamet non può stare lontano dal grande schermo in questi giorni

Bill Murray, Owen Wilson, Tilda Swinton, Adrien Brody… fanno tutti parte della grande e affascinante famiglia di film che il grande regista Wes Anderson ha accumulato nel corso degli anni, riunendosi di volta in volta sul grande schermo. Tutte e tre le parti del suo ultimo film omnibus Spedizione francese Per il censimento, Anderson stava seriamente espandendo la famiglia: a Cannes, gli attori sono stati lasciati sul tappeto rosso non da una limousine, ma da un enorme tour bus. Il più recente highlight del passeggero di Anderson: Timothée Chalamet, la giovane divinità della Generazione Z, vestito con uno splendido abito dorato.

Poche ore prima, Chalamet, vestito di nero sobrio, ci ha raccontato al bordo di una piscina sul tetto del suo ruolo di rude leader studentesco nel maggio 68 Zeffirelli, e Louis Anderson lo adorava. “Vidi Rushmore (Secondo lungometraggio di Anderson, del 1998, LTR) Quando avevo dodici anni, mi ha ispirato profondamente. Consegna Ralph Fiennes in Grand Budapest Hotel Ho pensato che fosse uno dei migliori che abbia mai visto. Quindi ero estasiato quando Wes mi ha chiamato all’improvviso. Volevo davvero interpretare un piccolo ruolo per lui. Quando mi ha regalato una porzione di Zeffirelli, che era molto grande e soprattutto molto originale, gli sono stato molto grato».

Secondo Chalamet, Anderson è uno degli autori cinematografici più riconoscibili al mondo: “Pochi registi sanno esattamente cosa stanno facendo come lui. A New York c’era un intero negozio a lui dedicato: si potevano acquistare tutti i tipi di cose ispirate dal suo lavoro. È un sogno diventare un arazzo. “In questo meraviglioso mondo come attore”.

READ  Nonostante abbia detto addio l'anno scorso: Quinn rimarrà con Get Ready! | Musica

disciplina di ferro

La visione assertiva di Anderson richiedeva una rigorosa disciplina, Chalamet ha presto scoperto: “Un mese e mezzo prima delle riprese, ho ricevuto un’e-mail da Wes. Ha scritto: “Ci sono stati momenti in cui i nuovi attori nei miei set erano un po’ sciolti nei loro dialoghi. Quindi per favore, assicurati di conoscere le tue parole. Sto iniziando a bloccarmi più che mai.” (Ride)

Non solo le parole dovevano essere assolutamente corrette, ma anche i movimenti di Chalamet erano guidati dallo standard. “In una certa scena, io e la mia co-protagonista Lina Khoudary siamo l’una di fronte all’altra, ed entrambi attacchiamo una foto al muro. Ripetiamo quella scena 40 o 50 volte”, ha detto Chalamet con una risatina. “Non perché l’abbiamo fatto. “Non li ho suonati bene, ma letteralmente perché non abbiamo incollato esattamente i nostri scatti. Nel mezzo dell’inquadratura – abbiamo dovuto continuare a guardarci l’un l’altro per tutto il tempo mentre lo facevamo, quindi ad ogni scatto mi sono detto, “Oh mio Dio, spero davvero che tu rimanga appeso questa volta…” (Ride) Quindi è molto preciso! ”

Chalamet in Lina Khudri in “The French Dispatch”.AP . immagine

Chalamet non può essere tenuto fuori dal grande schermo in questi giorni: Spedizione francese A malapena in arrivo poche settimane dopo l’uscita Duna, in cui ha interpretato il suo primo vero ruolo da protagonista. Negli Stati Uniti, entrambi i titoli sono apparsi nelle sale contemporaneamente. Questo non era originariamente previsto: Spedizione francese Doveva avere la sua anteprima mondiale al Festival di Cannes nel maggio 2020, Duna Era previsto per dicembre 2020. Ma poi è arrivato Corona. “È stato molto frustrante”, ammette Chalamet. “Non mi sono mai sentito così prima. Ho sempre aspettato e aspettato, sapendo che ci sono alcuni grandi film che aspettano di essere presentati al mondo…”

di Piper Hamlin

La lunga cessazione dell’epidemia non ha in alcun modo intaccato l’enorme popolarità di Chalamet. così chiamato Schalmania, l’isteria dei Beatles che circonda la giovane donna americana con radici francesi, nata dopo l’inaspettato successo di Chiamami con il tuo nome, più vivo che mai. Guarda il suo arrivo al gala del MET il mese scorso. Quella che era iniziata come una mostra d’arte in collaborazione con l’artista francese JR, si è conclusa con una scena da pifferaio magico nelle strade affollate di New York: chi sembrava Chalet sulla pagina Instagram (dove ha 14,5 milioni di follower), ha potuto seguire come il giovane attore si è raccolto intorno a lui mentre camminava per meno di un chilometro.

Chalamet è una calamita per fan, registi e stilisti. Stella McCartney, Haider Ackerman, Alexander McQueen, Louis Vuitton e altri concorrenti si incontrano per il suo vestito, sapendo che le sue apparizioni sul tappeto rosso fanno sempre scalpore su tutti i social media. Chalamet ha un aspetto unico: un misto di innocenza infantile e saggezza, che lo rende il candidato perfetto per i ruoli di ragazzi che improvvisamente hanno un’enorme responsabilità.

Non a caso, negli ultimi anni Chalamet ha interpretato il ruolo del giovane re Enrico V (il re), rivoluzionario carismatico (spedizione francese) Ed erede intergalattico al trono con gli attributi di Cristo (Duna). o a parole Dune di sabbia-Il regista Denis Villeneuve, allo Shanghai Film Festival: “Timothy sembra molto più giovane di lui. A volte guardo attraverso l’obiettivo della telecamera e vedo un quindicenne in piedi lì. Ma allo stesso tempo ha il carisma pazzesco di un vecchio -star di Hollywood della scuola. Mettilo davanti alla telecamera, ti divertirai un mondo”.

Spedizione francese Spettacoli al cinema dal 27/10. Leggi Qui Recensione.