QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Tina di Roeselare canalizza la frustrazione disegnando bambole

All’inizio della crisi del Corona, a Tina van de Velde è stato diagnosticato l’autismo. La 47enne Roeselare esprime la sua rabbia disegnando bambole e realizzando (spesso terrificanti) creazioni. “Nel frattempo, la rabbia ha lasciato il posto al compiacimento e questo hobby è diventato uno sbocco importante nel processo di coping”.

Registrati una volta e leggi subito.

Ora accesso gratuito per 30 giorni a tutti gli articoli aggiuntivi e accesso sempre agli articoli gratuiti.

Tina van de Velde lavora come guardiano da più di vent’anni. Il 2020 è stato un anno nero nella sua vita. “Una volta che siamo entrati in blocco, i medici mi hanno diagnosticato l’autismo. Quella notizia è arrivata come una bomba. Mi sono frustrata e sono diventata aggressiva”, dice. Una fan dei film horror che ha cercato un modo per liberarsi della sua frustrazione e l’ha trovata in un modo inaspettato. Ha iniziato a disegnare bambole che comprava in un negozio dell’usato o che aveva ricevuto da amici. “È così che ho iniziato a sperimentare con le bambole. Sono stato un fan dei film dell’orrore per tutta la vita e l’ho vissuto. In modo creativo, ho dato alle vecchie bambole scartate, alle statue e alle statue dei santi un nuovo aspetto, spesso spaventoso. ” “Le bambole liberatrici sono diventate uno sfogo per la mia aggressività e rabbia. Ora è diventato un hobby che trovo in loro. “Riflessione e silenzio. È diventato uno sfogo importante nel mio processo di riparazione”. Tina non ha un background artistico, ma non le interessa. Sta cercando la sua strada. “A volte il risultato finale è un fallimento totale, ma mi sento bene con quello che faccio. C’è un pezzo di me in ogni bambola finita. ” “Non mi interessa cosa pensano gli altri. Faccio ciò che mi fa sentire bene e tutto il resto è secondario”, dice. Expo in K-Trolle e il suo partner, Freddy Eckhout, comunica con Jurgen Lievens del Centro culturale K-Trolle di Roeselare. Ha chiesto se sua moglie poteva mostrare il suo lavoro lì. “Non ci ho mai pensato. Esibizione… Vedo le bambole come un hobby e qualcosa che mi aiuta ad accettare l’altro.” Ma Freddy e Jurgen hanno insistito e hanno convinto Tina a mostrare alcuni dei suoi lavori al grande pubblico. Le creazioni di Tina possono essere viste sul K-Trolle per i prossimi tre fine settimana. Workshop “Attraverso lo spettacolo di marionette spero di mostrare che le persone con diagnosi di autismo non sono diverse dalle altre. Spero di ispirare gli altri a sentirsi bene riguardo al processo creativo come me”, Tina spiega perché si è lasciata convincere. Sta anche valutando l’organizzazione di workshop in futuro. Il 14, 15, 16, 21, 22, 23, 28, 29 e 30 gennaio, ogni volta dalle 16:00 alle 23:00 presso il K-Trolle, Sc Bucharestraat 20 a Roeselare. Informazioni: www.k-trolle.be

READ  "Più della metà dei 60enni vuole essere presa a pugni con AstraZeneca"