QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

tiro positivo | scienza | Telegraaf.nl

Si discute se sia utile o meno assumere il vaccino antinfluenzale, poiché non fornisce una protezione al 100% contro l’influenza. Spesso si discute anche sui potenziali effetti collaterali dei vaccini. Soprattutto in senso negativo. Una recente ricerca dell’Health Science Center dell’Università del Texas mostra che il vaccino antinfluenzale ha anche effetti collaterali positivi: riduce la possibilità di sviluppare il morbo di Alzheimer del 40% per quattro anni.

Due anni fa, i ricercatori dell’UTHealth di Houston hanno effettivamente trovato un legame tra il vaccino antinfluenzale e il rischio di Alzheimer. I risultati, che sono stati ora pubblicati, sono il culmine di un’indagine su larga scala su persone di età pari o superiore a 65 anni negli Stati Uniti. Hanno esaminato 935.887 persone che avevano ricevuto almeno un vaccino antinfluenzale e 935.887 che non l’avevano fatto. Quattro anni dopo, il morbo di Alzheimer era stato diagnosticato al 5,1% dei vaccinati e all’8,5% dei non vaccinati: una grande differenza. Con le persone che ricevevano il vaccino antinfluenzale più spesso, perché lo facevano ogni anno, la possibilità di contrarre il morbo di Alzheimer è diminuita ancora di più.

I vaccini attivano il sistema immunitario

Non è ancora chiaro quale sia la causa del meccanismo sottostante. Sono necessarie ulteriori ricerche per questo. E alcuni altri vaccini, come il tetano, la poliomielite e l’herpes, hanno già dimostrato di ridurre il rischio di Alzheimer. Quindi i ricercatori ritengono che la protezione contro il morbo di Alzheimer non sia un effetto specifico del vaccino antinfluenzale, ma forse l’effetto di (un certo numero di) vaccini in generale. Una possibile teoria è che questi vaccini attivino il sistema immunitario in modo da ridurre il rischio di malattia di Alzheimer. Per questo motivo, sono favorevoli a studiare i vaccini Covid-19 anche per questo. Sarebbe positivo se, dopo tutta la miseria, una campagna di vaccinazione su larga scala contro il Covid-19 assicurasse che molti meno di noi svilupperanno il morbo di Alzheimer.

READ  "Quanti soldi vogliamo spendere per sconfiggere il cancro?"