QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Touring Italy: Anteprima culinaria dell’ultima settimana del Giro | Giro in bicicletta

Il tour in Italia è in pieno svolgimento. Ciò significa non solo tre settimane di violenza etnica, ma un tour attraverso diverse province e oltre innumerevoli luoghi. La corsa al e durante il Giro d’Italia Lampo ciclico Particolare attenzione ai punti salienti del percorso che vengono facilmente trascurati durante la gara. Oggi: momenti culinari dell’ultima settimana del Giro.

Quest’anno stiamo costruendo qualcosa di bello e denso con RIDE Edizione estiva. Una rivista di ciclismo con oltre 200 pagine che puoi goderti per ore quest’estate e rende l’estate dello sport un po’ più divertente. Gli appassionati di ciclismo che prenotano una copia durante il periodo anticipato ricevono dei bei extra. Prenota subito online. Vuoi ottenere un RIDE economico? Ottieni un abbonamento ora E ottieni il 20% di sconto!

Nel frattempo un gruppo significativamente più magro si avvicina al traguardo del Giro, ma non è previsto per un’ultima settimana più estenuante. In precedenza avete letto del Giro d’Italia dal punto di vista di un viticoltore e la nostra anteprima degli highlights culinari della prima settimana del Giro e della seconda settimana del Giro. Per le restanti sei tappe, lo chef, appassionato di ciclismo e italofilo Martijn Hendriks del Culinary Studio Eetwijn ci guiderà attraverso la cucina italiana.

Dopo un meritato giorno di riposo, il gruppo torna a Sabio Chies, a est del Lago di Garda. La zona è certamente conosciuta come una popolare destinazione turistica, ma produce anche un ottimo olio d’oliva, spiega Martijn.

Ulivi intorno al Lago di Garda – Foto: Consorcio Olio Garda DOP

“Attorno al Lago di Garda vengono prodotti tre tipi di oli d’oliva con il marchio DOP, il che significa che l’olio proviene al 100% dalla zona indicata e la produzione avviene interamente in loco. Il buon clima intorno al lago, nonostante il suo versante settentrionale, produce ottimo olio.

READ  Belgio - Italia a Eindhoven: 'Questa è davvero la fine'

Sebbene il gruppo non lo attraversi direttamente, passa vicino a un’ampia regione vinicola già discussa nell’anteprima viticola; Il Piano Rotaliano circonda Mezzocorona e Mezzolombardo. Vi si coltivano in grandi quantità uve come Teroldeco, Marsemino e Lagreen. “Mentre ne parliamo, è anche bello menzionare la cantina di Moser. Sembra che valga la pena visitarla”, dice Martijn.

Il sottoscritto può confermare quest’ultimo. Situato su una collina fuori Trento Cantina Di TrenoMoser. Qui non solo puoi degustare i vini dell’ex pilota italiano, ma anche trovare un mini-museo con tutti i tipi di cimeli del vincitore multiplo. Assolutamente da visitare.

Vigneti intorno a Mezzacorona, prevalentemente da uve Teroldeco Rotaliano – Foto: Billolab

La tappa 17 porta il gruppo attraverso una sezione con una chiara descrizione di Martige. “È come essere nei Paesi Bassi; Sembra un grosso masso”, dice.

Non è proprio Boulder come lo conosciamo nei Paesi Bassi, perché mi ricorda Martijn… vino! Un certo vino DOCG dovrebbe essere perfetto. “Sì, Lisan, è un vino bianco fatto per la maggior parte con uve Friulano, anche se si possono utilizzare altre uve per il 15%.”

“Questo è un vino speciale perché la denominazione copre due province; questo è molto raro per un vino DOCG. In termini di gusto, il vino ha un bellissimo gioco di fiori e frutta, leggeri accenti di mineralità e un caratteristico sapore di mandorla.

oro bianco
Di vino si parlerà approfonditamente nella 18^ tappa, il percorso passa per la zona del Prosecco, ma c’è molto da scoprire in campo culinario. “In questa zona si possono trovare moltissimi asparagi, sia verdi che bianchi. Nel sud Italia la stagione degli asparagi inizia già a febbraio, ma nel nord Italia sono ormai nel pieno della stagione.

Il gruppo svolta a sinistra uscendo da Valdobbiadene, famosa per il suo prosecco – foto: Gore Voss

E quegli asparagi, puoi abbinarli totalmente al già citato vino Lisson, anche se il vino è prodotto dalle stesse uve intorno al punto di partenza. “Là si chiama tai, che è il ‘nuovo’ nome dell’uva”, dice Martijn.

READ  I permessi per le tende da spiaggia possono essere allentati in Italia

Tuttavia, Martijn pensa a una pozione diversa sia per il livello 18 che per il livello 19. “Birra delle Dolomiti ovviamente! Viene prodotto a Bedavena, fuori Feltre, dove vanno vicinissimi alla fase 18. Ma visto il nome, credo che si adatti perfettamente a quella folle piattaforma dolomitica che termina alle Tre Sime de Lavaredo.

Se la cronometro in programma al Monte Santo de Lussari andrà avanti, il Giro sarà piegato alla ventesima tappa. “Non vedo l’ora perché quella settimana sono in viaggio in Friuli e ho programmato con mesi di anticipo di essere in disparte quel giorno”, dice Martijn.

Formaggio Montasio, dal nome della sua origine: il monte Jôf di Montasio – Foto: Pvt pauline

E cosa si mangia con esso? “Quando penso al Friuli, penso a Frigo. Soprattutto in montagna, perché è davvero un alimento sostanzioso consumato dai lavoratori della montagna, un esempio perfetto. Cucina Bovera. Semplice, ma nutriente.”

“Frico può riferirsi a due prodotti. Il primo è un cheesecake duro, ma il più popolare è una specie di frittella densa e saporita. È composto principalmente da patate, cipolle e formaggio. Il migliore è il formaggio Montasio, un formaggio di montagna friulano. Il gli ingredienti vengono cotti fino a quando non hanno una bella crosta marrone, arrostiti insieme in padella, puoi quindi mangiarli caldi, il formaggio fuso all’interno è bello e morbido.

Poi ciò che resta è l’ultima tappa attraverso Roma. Una città con un ricco patrimonio culinario è evidente quando Martijn inizia a parlarne. “Allora possiamo parlare di molte cose Alla RomanaPreparazioni, a proposito di pasta all’amatriciana, pasta alla carbonara o pasta cacio e pepe o pecorino romano.”

Carciofi alla Romana – Foto: C. Shen

“Ma scegliamone uno meno conosciuto Carciofi alla Romana; Carciofi alla romana. Hanno un prodotto fritto di carciofi, ma Carciofi alla Romana sono ben noti. È fatto con carciofi romanesci che vengono prima cotti. Vengono poi condite con prezzemolo e timo di montagna (un tipo di menta, ndr) e poi cotte al forno. Un meraviglioso piatto primaverile. “

READ  L'Italia sequestra தன்ன 530 milioni di barche dell'oligarchia russa