QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

tranne. L’interesse straniero bussa alla porta, ma Mark Cook non vuole vendere l’Anderlecht | gli sport

AnderlechtL’Anderlecht sembra essere ancora un prodotto attraente. Negli ultimi mesi molti stranieri si sono presentati a Bruxelles per acquistare il club, ma Mark Cook non è interessato.




All’inizio del 2020, durante uno stage a San Pedro del Pinatar, in Spagna, Mark Cook ha rilasciato un’intervista straordinaria come presidente dell’Anderlecht. Al momento, il team Purple & White non sta andando bene: la partecipazione nell’Appendice 1 è a rischio e i numeri finanziari sono da moderati a scarsi. Il risultato è che Coucke deve sopportare molte critiche – nei media e tra i sostenitori. Ma la soluzione facile – vendere l’Anderlecht – non è per lui un’opzione, come afferma quel giorno: “Non ho mai pensato di mollare. Non ci dovrebbe essere nessun vecchio che bussa alla porta”.

Da allora molto è cambiato: Coucke si è ristabilito con il campione del record. Insieme al suo socio in affari Joris Ed, possiede circa il 74% delle azioni di Anderlecht, ma Coucke non è più nelle operazioni quotidiane. Anche lui non è più presidente: ha chiesto a Wouter Vandenhout nel maggio dello scorso anno di assumersi l’incarico.

Ma quello che non è cambiato, d’altra parte: nonostante il suo passo indietro, Cookie non ha intenzione, come ha detto in Spagna, di “fermarlo”.

Mark Cook e il CEO dell’Anderlecht Jos Donneville. © BELGA

Molte opportunità però. Negli ultimi mesi, diversi stranieri hanno contattato Coucke chiedendo se l’Anderlecht fosse in vendita. Anche se il brillante uomo d’affari non si arricchisce con il viola e il bianco, la sua risposta è sempre la stessa: “Non ci pensare”.

miliardario

Non è stato diverso quando è apparso di recente un broker messicano. Secondo le nostre informazioni, ha agito per conto di Emilio Azcárraga, che è anche l’uomo forte del Mexican American Club. Azcárraga è un miliardario, il “denaro” non è un problema, ma non è stato sufficiente per convincere (l’entourage) Coucke. Non è nemmeno venuto alle trattative. “Mark non vuole rinunciare all’Anderlecht e ai suoi fan”, suona nell’ambiente di Cook.

Questo è un segnale forte, perché il suo investimento non è stato al momento una storia di successo economico. Nel 2017, a seconda della fonte, ha pagato 60-80 milioni di euro per l’Anderlecht e da allora ha già riversato molte risorse nel club. L’Anderlecht ha prestato circa 50 milioni di euro negli ultimi anni. Di recente ha perso circa 37 milioni di euro. In totale, l’Anderlecht Coucke è già costato più di 120 milioni di euro. Avrebbe potuto riavere un centesimo ora, ma Gentenar non vuole.

Coucke preferisce essere un proprietario solidale di quello che considera un “bel club”. Vuole aiutarlo ad espanderlo dalle ombre, piuttosto che abbandonare la nave ora all’inizio del revival sperato.

Leggi anche:

L’analista degli affari interni Mark Degres vede un altro grande calo nell’Anderlecht: “E ora 95 minuti sono come il primo tempo” (+)

Marco Cook.

Marco Cook. © BELGA

READ  "Noa Lang se ne va, Club Brugge arriva con un'alternativa sorprendente" | Calcio 24