QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Tre milioni di persone in Myanmar hanno bisogno di aiuti umanitari | All’estero

Il Myanmar sta affrontando una grave crisi umanitaria a causa del colpo di stato militare e dell’epidemia di Corona. L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha riferito che tre milioni di persone nel Paese del sud-est asiatico hanno già bisogno di assistenza umanitaria.




Più di 220.000 persone sono state sfollate dalle loro case da quando sono scoppiati i disordini il 1° febbraio. Molti vivevano in condizioni precarie in rifugi autocostruiti in zone remote o nei boschi, dove non avevano nemmeno accesso ai servizi di base. In alcune zone c’è carenza di cibo. “Tuttavia, è difficile raggiungere le persone. Gli ostacoli burocratici hanno anche ostacolato i servizi di emergenza”, ha affermato l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari. Particolarmente colpite sono le famiglie delle principali città come Yangon e Mandalay e le persone nelle aree di conflitto nel sud-est e nell’ovest del Paese.

Anche la crisi del Corona resta un grosso problema: ad oggi le autorità hanno segnalato 455.000 contagi e 17.000 decessi legati al Covid-19. “Ma i numeri potrebbero essere più alti, ma non ci sono abbastanza strutture per i test nel paese”, ha detto l’agenzia delle Nazioni Unite.

I militari sono tornati al potere otto mesi fa e hanno posto agli arresti domiciliari la leader del governo Aung San Suu Kyi. Il 76enne è attualmente sotto processo. L’esercito sopprime ogni resistenza. Migliaia di oppositori sono stati uccisi o arrestati.

READ  Le misure di blocco australiane continuano mentre Sydney schiera l'esercito per mantenere i residenti a casa | all'estero