QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Tre sconfitte per Leroen Bekeur

Nel deposito di Optima, l’ex CEO Jeroen Piqueur ha tirato la paglia tre volte davanti alla Corte d’Appello fino a nuovo avviso.

Jeroen Piqueur, l’ex CEO dello schema patrimoniale Optima – che includeva anche l’ex banca Optima in bancarotta – sta affrontando diverse battute d’arresto legali.

La Corte d’Appello ha confermato il fallimento della società di gestione Jeroen Bekeure, Emako Nevada. In un’altra sentenza è stata confermata anche la bancarotta personale di Piceur, e in un’altra sentenza Piceur non è stata coperta da un impegno di 20 milioni di euro. Ciò si riferisce anche a una sentenza a livello di Corte d’Appello.

Secondo il coordinatore Hans de Meyer di Optima Bank, si tratta di tre vittorie importanti, ma soprattutto vittorie morali. Ora sta esaminando l’ulteriore percorso del fascicolo penale. La Procura della Repubblica aveva in precedenza chiesto il rinvio al Tribunale penale di quattordici parti. Tuttavia, la difesa ha chiesto ulteriori misure istruttorie.

Non irrilevante, però, la sentenza relativa all’impegno di 20 milioni di Jeroen Becqueur. Questo impegno è venuto alla luce della forte insistenza del regolatore, la Banca nazionale. Bekeure doveva garantire che Optima Bank fosse finanziariamente rafforzata.

Secondo Pickeur, doveva prendere questo impegno. Il sindacato ha combattuto invano. Anche sua moglie, Benedict Schumacher, si è opposta all’accordo.

READ  Bruxelles: piede Ontex leggero Barclays