QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Tre uccisi in disordini a Parigi dopo una sparatoria in un centro culturale curdo

Ancora una volta, le autorità francesi non sono riuscite a proteggerci. Ancora una volta i servizi di intelligence ci sorvegliano invece di garantire la nostra sicurezza. Per noi, questo attacco è terroristico. “Fa parte di un clima di tensione che la Turchia sta intenzionalmente perpetuando”, ha detto Agit Polat, portavoce del centro culturale. Poi i curdi sono scesi in piazza e hanno cominciato a fare scompiglio e ad attaccare la polizia. Ha risposto con gas lacrimogeni e manganello.

Tra le altre cose, i manifestanti hanno cantato “PKK” e “i martiri non muoiono” e hanno sfondato i vetri di auto e negozi.

Tutto è iniziato all’inizio della giornata. Un uomo ha sparato diversi colpi nei pressi del centro culturale curdo Ahmed Kaya in rue Dinghin, nel 10° arrondissement della capitale francese. Tre persone sono morte e altre tre sono rimaste gravemente ferite. Tutti curdi.

Si dice che l’autore sia William M. Il 69enne, francese che ha lavorato come capotreno, non è certo estraneo alla magistratura francese. Era noto per avere due precedenti conteggi di tentato omicidio, uno nel 2016 e un secondo l’anno scorso. Poi ha attaccato un campo di migranti nel Parc de Bercy. Ha accoltellato due immigrati con una spada. Il 12 dicembre è stato scarcerato.

La seconda riguarda i fatti di Seine-Saint-Denis per i quali è stato recentemente processato. Ma ha ripreso.

(Leggi di più sotto la foto.)

©Reuters

Questo contiene contenuti incorporati da una rete di social media che vuole scrivere o leggere cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Questo contiene contenuti incorporati da una rete di social media che vuole scrivere o leggere cookie. Non hai dato il permesso per questo.

“È chiaro che chi ha sparato mirava a stranieri”, ha detto il ministro dell’Interno Gerald Darmanin quando ha visitato il luogo della sparatoria.

“Non conosciamo ancora i motivi esatti del tiratore”, ha detto. L’uomo non era noto per essere radicalizzato dai servizi di intelligence e da altre autorità. Ecco perché Darmanin è rimasto cauto riguardo a possibili motivazioni politiche: non poteva dire se l’uomo fosse noto per i fatti in un contesto di estrema destra. I parlamentari di sinistra e il sindaco Anne Hildago (PS) hanno già attribuito l’attacco all’estrema destra.

Ma per la comunità curda non c’erano dubbi che si trattasse di un attacco “politico” da parte o per conto della Turchia. E che i curdi sono stati deliberatamente presi di mira.

“I curdi di Francia sono stati l’obiettivo di un orribile attacco nel cuore di Parigi”, ha dichiarato il presidente francese Emmanuel Macron sui social media. “I miei pensieri vanno alle vittime, a coloro che combattono per la propria vita, alle loro famiglie e ai loro cari. Un riconoscimento alle nostre forze di sicurezza per il loro coraggio e forza d’animo”.

Questo contiene contenuti incorporati da una rete di social media che desidera scrivere o leggere cookie. Non hai dato il permesso per questo.

L’aggressore, colpito anche al volto, è stato arrestato. Nessun movente è stato ancora dato. Nei prossimi giorni sarà esaminato dal collegio degli psichiatri del tribunale per valutare le sue condizioni mentali.

© EPA-EFE

©Reuters

©AP

© Afp

READ  L'opera d'arte del famoso cantante sulla torre dell'acqua improvvisamente "piscia" a causa di un colpo ben mirato del sabotatore