QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Trova la riabilitazione domiciliare dopo l’infarto del miocardio

I programmi di allenamento vengono sempre svolti in ospedale, nel reparto di fisioterapia. Per questo, i pazienti dovevano venire in ospedale due o tre volte alla settimana per tre mesi. Progressi tecnologici e riabilitazione domiciliare Può essere fatto. Il programma di esercizi è seguito a casa, con supervisione remota.

I vantaggi per il paziente sono evidenti. Non solo ora non devono recarsi in ospedale più spesso, con il programma di riabilitazione domiciliare hanno anche accesso diretto ai loro dati, ai progressi e quindi al controllo del trattamento, della guida personale e della prevenzione delle ricadute.

La riabilitazione domiciliare è altrettanto efficace?

Lo scopo della ricerca di Rutger Brouwers era scoprire quale trattamento sarebbe stato il migliore adesso; Riabilitazione a casa o in ospedale. Ecco perché ha iniziato a studiare Smartcare CAD presso Máxima MC. Sfortunatamente, i pazienti spesso tornano al loro vecchio stile di vita dopo una consulenza approfondita; mentre migliorano lo stile di vita, riducono significativamente il rischio di sviluppare nuove malattie cardiache. Pertanto, sono urgentemente necessari metodi di riabilitazione innovativi che assicurino il coinvolgimento di più pazienti e contribuiscano al mantenimento dei loro effetti. Lo studio SmartCare-CAD voleva verificare se l’addestramento domiciliare supervisionato a distanza avesse un impatto maggiore rispetto all’addestramento in ospedale.

La ricerca si è concentrata solo sul programma di esercizi in terapia fisica. Attraverso una lotteria, è stato deciso quali partecipanti avrebbero ricevuto cure domiciliari e chi sarebbe venuto fisicamente in ospedale per il trattamento. I partecipanti idonei alla riabilitazione domiciliare dovevano seguire i primi sei corsi di formazione in ospedale, sotto la supervisione di un fisioterapista. Poi si sono allenati a casa per tre mesi, utilizzando sensori indossabili.

READ  Janet Gransbergen (54) ha il morbo di Parkinson

Gli obiettivi di riabilitazione e formazione sono stati monitorati online attraverso una piattaforma dedicata. Lì vengono caricati i dati di addestramento del paziente e il paziente può consultare e regolare i propri progressi. Il fisioterapista è stato in contatto con i pazienti settimanalmente attraverso una videoconferenza per discutere i progressi e fornire feedback. Quindi sono stati monitorati a distanza per 9 mesi. Dopo un anno, i due trattamenti sono stati confrontati. Un totale di 300 pazienti cardiopatici hanno partecipato a questo studio.

Entrambi i metodi funzionano bene

Lo studio ha mostrato che sia i pazienti che si esercitavano a casa sia i pazienti che si esercitavano in ospedale si esercitavano di più dopo un anno, avevano una forma fisica, vivevano una migliore qualità della vita, erano meno depressi e potevano ottenere risultati migliori nella loro vita quotidiana. Con la loro condizione. Non c’erano differenze significative tra i due gruppi. Questo vale anche per la soddisfazione del paziente.

Inoltre, è stato anche scoperto che la prevenzione delle ricadute non è necessaria nei pazienti a basso rischio di nuovi problemi cardiaci. “Come con altri studi sulla riabilitazione a distanza, gli uomini che hanno partecipato al nostro studio erano uomini relativamente giovani con un basso rischio di sviluppare nuove malattie cardiache. Questo potrebbe spiegare perché abbiamo anche visto così poche ricadute nell’attività fisica. Per la ricerca futura, da L’importante è indagare su come possiamo anche ottenere altri gruppi di pazienti, che possono diventare meno attivi nel tempo, entusiasti della riabilitazione a distanza “, afferma Brewers. Risultati dell’indagine Pubblicato Nel Journal of the American College of Cardiology.

L’applicazione delle TIC nel settore sanitario è molto promettente. Gli interventi digitali sono efficaci quanto la comunicazione faccia a faccia. Grazie alla “teleassistenza”, il numero di visite fisiche ai pazienti in ospedale diminuisce. Ciò contribuisce a una migliore assistenza con una maggiore autogestione, soprattutto per i pazienti con malattie croniche. Il MMC Vitality Center sviluppa programmi innovativi e multidisciplinari, supportati dalla tecnologia, che motivano i pazienti a una migliore autogestione e a sostenere uno stile di vita sano.