QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Trump perde appello nel caso di assalto al documento del Campidoglio all’estero

Una corte d’appello degli Stati Uniti ha respinto la richiesta dell’ex presidente Donald Trump di non rilasciare documenti presidenziali relativi all’assalto al Campidoglio del 6 gennaio. Ha impugnato la decisione del suo successore, Joe Biden, presso la Corte Distrettuale della Columbia.




“Sulla base delle dichiarazioni rese a noi disponibili dall’ex presidente Trump, non vediamo alcuna base per respingere la decisione del presidente Biden”, hanno scritto i tre giudici nella loro sentenza. Secondo i giudici, i documenti sono “rilevanti e necessari per l’indagine sull’assalto al legislatore e sul suo ruolo costituzionale nel trasferimento pacifico della presidenza”.

In precedenza, una corte di grado inferiore ha approvato la decisione di Joe Biden di mettere a disposizione della Commissione d’inchiesta della Camera quei documenti sugli eventi alla Casa Bianca che indagano sull’attacco al Campidoglio.

Trump vuole mantenere segreti i documenti, in riferimento al privilegio presidenziale di cui godeva mentre era in carica. La decisione sul ricorso apre la strada al trasferimento di centinaia di pagine di documenti. Trump può ancora appellarsi alla Corte Suprema. Ha due settimane per farlo.

Trump sostiene di non essere responsabile dell’assalto al Campidoglio. Denuncia un “gioco politico” e rifiuta di collaborare alle indagini.

L’assalto al Campidoglio il 6 gennaio 2021. © Reuters

Il capo dello staff di Trump e l’ex deputato discutono del piano per sostituire i voti elettorali con candidati autoeletti per mantenere Trump al potere

L’avvocato di New York vuole ascoltare Donald Trump nel caso di frode fiscale

READ  Quattro persone ferite nella sparatoria a Washington: ucciso un pistolero | all'estero