QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Trump voleva usare i militari contro i manifestanti: ‘Rompigli il cranio, sparagli’

Il presidente è stato allarmato dai saccheggi e dai violenti scontri con gli ufficiali nelle manifestazioni organizzate per protestare contro la morte di George Floyd. nel suo libro Onestamente, abbiamo vinto queste elezioni Il corrispondente della Casa Bianca Michael Bender riferisce da Il giornale di Wall Street Che dietro le quinte, Trump suggeriva regolarmente di inviare i militari nelle strade per mantenere l’ordine.

Trump pensava che le azioni della polizia e della Guardia Nazionale non fossero sufficienti. Secondo quanto riferito, Trump ha suggerito più volte nello Studio Ovale al capo di stato maggiore dell’esercito americano Mark Milley, secondo le fonti di Bender, di “batterli duramente”. “Spara loro”, ha detto il presidente. Ma l’esercito americano non vuole farci niente

A proposito del libro, che riguarda l’ultimo anno di Trump, incluso lo stesso Trump, Bender ha parlato con il personale senior della campagna e alcuni consiglieri della Casa Bianca di Trump.

grande assurdità

Il presidente ha fatto riferimento alle foto di una campagna della polizia antisommossa e di altre agenzie a Portland, tra le altre cose. Voleva vederlo di più nel resto del paese. Si dice che Trump abbia detto a Millie e William Barr, l’allora procuratore generale: “Questo è il modo in cui dovresti trattare queste persone”. Rompi i loro crani. Milley, che continua a comandare le forze armate statunitensi, ha rifiutato di commentare giovedì.

Tuttavia, il fatto che non voglia confermare o smentire il resoconto di Bandar parla da sé. Il generale a quattro stelle pensava che lo schieramento militare fosse una stronzata e si schierò con Barr contro Trump. Secondo le fonti di Bender, il presidente si è poi un po’ inchinato: “Beh, sparate loro alla gamba, o forse al piede”, ha risposto Trump. “Ma sii duro con loro.” Milley pensava che chiamare i militari contro i manifestanti sul suolo americano fosse un’esagerazione.

Schierare l’esercito era possibile solo se Trump invocava l’Insurrection Act. Questa legge del 1807 conferisce al presidente degli Stati Uniti il ​​potere di richiedere l’assistenza delle forze armate, tra le altre cose, nella ribellione e nell’insurrezione. Trump ha avvertito nel giugno dello scorso anno che non avrebbe esitato a schierare i militari.

“Se una città o uno stato si rifiuta di prendere le misure necessarie per difendere la vita e le proprietà dei suoi residenti, dispiegherò l’esercito degli Stati Uniti e risolverò rapidamente il problema per loro”, ha avvertito in un discorso alla Casa Bianca. Trump ha chiamato i manifestanti “feccia”.

Adescare

Per Milley il dispiegamento di militari contro i civili che protestano per la parità di diritti è fuori discussione. Temeva che dopotutto Trump sarebbe stato tentato di far scattare la legge di emergenza. Milley ha quindi indicato un ritratto del presidente Abraham Lincoln appeso nella stanza: “Questo ragazzo stava avendo una ribellione”, ha detto il generale a Trump, riferendosi alla guerra civile americana. “Quello che abbiamo adesso, signor presidente, è una dimostrazione.”

Il consigliere senior di Trump, Stephen Miller, che ha detto allo Studio Ovale che le città americane si sono trasformate in zone di guerra, ha sbattuto: “Sta’ zitto, Stephen”. Il generale a quattro stelle nel primo anno di Trump era visto come una di quelle persone che potevano dissuadere il presidente dal prendere decisioni avventate. Trump e Millie andavano d’accordo.

Questo è stato anche uno dei motivi per cui il presidente ha nominato Milley capo di stato maggiore nel 2019, con grande dispiacere del segretario alla Difesa Jim Mattis che stava prendendo in considerazione un altro generale. L’anno scorso, Millie è stata criticata per aver camminato con Trump in una chiesa vicino alla Casa Bianca dopo che gli agenti avevano disperso i manifestanti con i gas lacrimogeni. Trump è stato poi accusato di aver ordinato una bonifica dell’area in modo da poter comparire davanti alla chiesa come presidente di “legge e ordine”.

Poi ex soldati e altri critici hanno accusato Millie di aver partecipato a questa “acrobazia propagandistica”. Il generale si è poi scusato per questo. Millie: ‘Non avrei dovuto essere lì. La mia presenza in quel momento e in quell’ambiente creava l’immagine che i soldati fossero coinvolti nella politica interna.

READ  Trovato il corpo di Brian Laundry, il fidanzato...