QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Tutta l’Europa ha smesso di giocare a calcio, tranne noi: perché il Belgio è l’unico a non aver avuto una pausa per le nazionali | Jupiler Pro League

Il calendario calcistico del club sembra notevolmente vuoto. A causa dell’insolito periodo delle partite internazionali in Nord America, Sud America e Asia, quasi tutte le principali competizioni in Europa sono state temporaneamente sospese. Fatta eccezione per il Belgio. Come è successo?

Premier League. Serie A italiana di prima divisione. Lega francese 1. Bundesliga tedesca. Anche il campionato olandese.

In quasi tutte le principali competizioni calcistiche, il calcio di club deve frenare. un motivo? Le qualificazioni ai Mondiali purtroppo in programma per Sud America, Nord America e Asia.

Questi sono i duelli che di solito ti aspetti nel calendario calcistico di marzo, settembre o novembre. Ma la pandemia di Corona ha scosso il programma di gioco l’anno scorso.

Nel marzo dello scorso anno, la South American Football Association ha annullato le qualificazioni ai Mondiali perché le squadre non volevano rilasciare i propri giocatori. Chi rientrava dalla zona rossa ha dovuto mettersi in quarantena per 10 giorni.

Ai club non è piaciuto. Ad esempio, il Manchester City non ha voluto perdere per molto tempo uomini come Ederson e Gabriel Jesus.

Ciò significa che entro 10 mesi dalla Coppa del Mondo, alcuni paesi devono ancora completare 6 partite nella battaglia per ottenere un biglietto per il Qatar. Pertanto, un ulteriore periodo internazionale alla fine di gennaio era l’unica opzione.

Gabriele Gesù

Mancano giocatori anche ai club belgi

Ciò ha gravi conseguenze anche per alcuni club belgi, che stanno vedendo giocatori internazionali trasferirsi nella loro squadra nazionale.

Al Racing Genk mancano almeno 6 giocatori, incluso il giapponese Junya Ito. Il Club Brugge ha già saltato 4 partite nell’acquisizione invernale del Tajon Buchanan a causa dei suoi impegni con il Canada. L’Anderlecht sbaglia il panamense Michael Murillo, Berchot, OHL, STVV, Charleroi e Kortrijk, a tutti manca un pedone.

Tajon Buchanan

A causa della congestione del calendario calcistico belga, c’è poco spazio per fare una pausa di metà stagione.

Allora perché non è stata presa la decisione di fermare la competizione, come in altri paesi? Al di fuori del Portogallo, nessun altro grande paese continua a giocare.

“Con il calendario del calcio belga così ricco – con una pausa invernale, playoff e molte partite – c’è poco spazio per includere la pausa di metà stagione”, afferma il direttore del calendario Nils van Branteghem.

“Dopo il caso Genk, c’è stata un’assemblea generale della Pro League, in cui i club hanno potuto apportare importanti modifiche al calendario. Alla fine hanno deciso di non farlo”.

Il problema era troppo per il capo di Genk, Peter Cronin, che ha rinunciato al suo lavoro come capo della PGA. Alla fine di dicembre, la Pro League ha raggiunto un compromesso sulle partite del Genk.

Le loro partite contro KV Mechelen (Round 24) e OHL (Round 25) sono state riprogrammate. Ma a causa dell’epidemia di Corona a Malinwa, quella partita non è stata giocata in tempo la scorsa settimana.

Quindi questo è di nuovo il puzzle.

Giocatori scomparsi:

  • Genk (6): Gerardo Arteaga (Messico), Juna Ito (Giappone), Mark McKenzie (VSA), Daniel Muñoz (Colombia), Angelo Preciado (Ecuador) a Ike Ogbo (Canada)
  • Club Brugge (1): Tajon Buchanan (Canada)
  • Anderlecht (1): Michael Murillo (Panama)
  • Charleroi (1): Ali Golizadeh (Iran)
  • Courtrai (1): Trent Sainsbury (Australia)
  • STVV (1): Daniel Schmidt (Giappone)
  • OHL (1): Rafael Romo (Venezuela)
  • Biershot (1): Ramiro Vaca (Bolivia)
READ  Il dominio della Juventus spezzato: lo scudetto dell'Inter dopo il pareggio con l'Atalanta | Serie A TIM 2020/2021