QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Tutti i paesi OPEC + concordano nuovi accordi sulla produzione di petrolio” | Economia

Tutti i paesi accetteranno di aumentare leggermente la produzione con effetto immediato. Ciò significa che non tutte le installazioni sono ancora completamente funzionanti. I paesi vogliono ancora che la produzione sia in qualche modo limitata almeno fino alla fine del 2022 per sostenere i prezzi. Gli Emirati Arabi Uniti non si sono ancora impegnati ad estendere gli accordi esistenti sulle restrizioni che dureranno fino ad aprile 2023.

Secondo gli Emirati Arabi Uniti, l’estensione delle restrizioni alla produzione dipende dall’impatto dell’aumento della produzione di base. Fino a quando non sarà chiaro, gli accordi non possono essere estesi in questo modo, a seconda di quel paese. Altri paesi dovranno fare del loro meglio per coinvolgere gli Emirati Arabi Uniti perché l’accordo con gli accordi OPEC richiede consenso.

Dal 1960, alcuni paesi produttori di petrolio hanno lavorato insieme per garantire un mercato petrolifero stabile: forniture adeguate per i consumatori a un prezzo ragionevole per i produttori. L’organizzazione sta cercando di raggiungere questo obiettivo concludendo accordi di produzione con gli Stati membri (attualmente 13). Aumentando (o diminuendo) artificialmente l’offerta, puoi influenzare il prezzo di un barile di petrolio, ma anche in ultima analisi ciò che paghi alla pompa per un litro di benzina.

Tuttavia, non è facile armonizzare i paesi. I paesi con grandi riserve di petrolio in genere hanno interesse a un prezzo leggermente più basso: temono che il resto del mondo finirà per ricorrere ad alternative e lascerà petrolio senza valore. Un prezzo un po’ basso non è un problema, se necessario producono un piccolo extra per compensare il mancato guadagno. I paesi con scorte relativamente piccole – o difficili da estrarre – preferiscono vedere il prezzo più alto possibile. Per loro ogni centesimo in più conta. E così si scontrano regolarmente.

READ  I giovani possono iscriversi al vaccino Johnson & Johnson a partire da oggi (e sono già arrivate le prime chiamate): farlo subito o no? | interni

Ma il “potere” di cui godono i paesi dell’OPEC sul mercato è diminuito negli ultimi decenni. Perché non tutti i produttori emergenti sono diventati membri (si pensi al Messico o alla Russia, per esempio), e altri paesi hanno lasciato l’organizzazione per insoddisfazione. Per mantenere la presa sul mercato, i membri stanno anche cercando di stringere accordi con questi paesi, i cosiddetti alleati.

E anche se si raggiunge un accordo, monitorare e rispettare gli accordi è difficile: gli Stati membri spesso finiscono per produrre più della quota concordata.

I colloqui tra i paesi dell’OPEC e gli alleati come la Russia non sono andati bene questa settimana. All’inizio di questa settimana, un incontro preparatorio con i ministri del petrolio dei paesi è stato posticipato di un giorno. Successivamente si è tenuta anche una sessione online del venerdì pomeriggio. Ci è voluto del tempo per far allineare gli stati dietro le quinte.

In precedenza, l’OPEC+ aveva deciso di congelare la produzione di petrolio per sostenere i prezzi. Ma con la forte ripresa economica, la domanda di petrolio è aumentata drammaticamente. Si sta valutando anche la diffusione di varianti più infettive del coronavirus. Il virus di tipo delta potrebbe ostacolare la ripresa economica, causando un lieve calo della domanda di petrolio.