QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Uber deve fermarsi in gran parte a Bruxelles da venerdì sera dopo la sentenza del giudice

La Corte d’Appello di Bruxelles ha stabilito che i conducenti Uber con solo un permesso VVB non potranno trasportare i clienti a Bruxelles da venerdì sera. Secondo Uber, questo riguarda il 95% dei suoi autisti nella capitale belga.

La Corte d’Appello di Bruxelles ha emesso questa sentenza mercoledì, media belgi come il tempo. La corte ha stabilito che una vecchia sentenza contro la piattaforma di taxi “UberPop” ora si applica anche al servizio di trasporto degli Stati Uniti.

Le organizzazioni di taxi si sono lamentate con Uber nel 2014, perché ritenevano ingiusto che i conducenti di Uber potessero fornire i loro servizi senza una licenza di taxi. Il tribunale si è pronunciato a favore delle organizzazioni di taxi in quel momento, dopo di che Uber ha rivisto la sua piattaforma a Bruxelles in “UberX”. Quindi la società si considerava un servizio di limousine, il che significava che i conducenti Uber a Bruxelles dovevano avere un cosiddetto permesso VVB.

Tuttavia, oggi la Corte d’Appello di Bruxelles ha stabilito che la sentenza contro UberPop si applica anche ai conducenti con patente VVB. Ecco perché solo i conducenti Uber che hanno richiesto un permesso di taxi dopo il 1 gennaio 2020 possono rimanere attivi a Bruxelles. Standard. Il servizio ha 2.000 autisti nella capitale belga e, secondo Uber, circa il 5% di loro ha una licenza di taxi.

La sentenza entrerà in vigore venerdì sera, 26 novembre, alle 18. Da quel momento in poi, Uber rischia multe se viaggia con autisti VVB. governo di Bruxelles È stata condannata all’inizio di quest’anno Sebbene gli autisti Uber a Bruxelles non siano più autorizzati ad accettare ordini tramite i loro smartphone.

READ  Da oggi è disponibile il certificato Corona che ci permette di viaggiare in Europa: ecco come funziona e puoi ottenerlo qui | Notizie su Instagram VTM

Uber ha risposto ai media belgi che la sentenza si basava su “regolamenti obsoleti che precedevano l’arrivo degli smartphone”. La società afferma che il governo belga “ha promesso sette anni fa di risolverlo”. Il servizio di trasporto si dice anche preoccupato che molti dei suoi conducenti a Bruxelles “perdano l’opportunità di generare reddito” da venerdì. Secondo De Standaard, gli autisti di Uber a Bruxelles hanno annunciato proteste.