QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Uber ha ora un accordo di cooperazione con il team taxi italiano

I conducenti di IT Taxi, la più grande compagnia di taxi italiana, possono ora svolgere attività per i clienti di Uber Technologies. Entrambe le parti hanno raggiunto un accordo. Attraverso l’operazione, la piattaforma taxi di Uber amplia la propria presenza anche nel mercato italiano.

Questo accordo fa parte della strategia Tecnologie Uber Aumentare la cooperazione con l’industria dei taxi regolari.

Ottanta nuove città

Il nuovo accordo consentirà a oltre 12.000 tassisti in Italia di accedere al sito di Uberin. La società implementerà la sua applicazione in più di ottanta nuove città italiane. Uber continuerà ad espandere le sue attività nelle principali città come Roma, Milano, Torino e Bologna.

La partnership tra Uber e ID Taxi inizierà a giugno e seguirà gli accordi precedentemente conclusi in Spagna, Germania, Austria, Turchia, Corea del Sud, Hong Kong e le città statunitensi di New York e San Francisco. Uber mira a connettersi con ogni taxi disponibile con la sua utilità entro la metà di questo decennio.

L’anno scorso, la compagnia ha aggiunto 122.000 nuovi taxi al suo sito. Dopo che l’azienda ha visto un gran numero di conducenti partire a causa dell’epidemia di corona, Uber rappresentava il 3% della forza lavoro totale in quel momento.

Durante il giorno Giornata degli investitori recenti Già nel febbraio di quest’anno era chiaro che Uber aveva individuato nel settore dei taxi un’importante opportunità di crescita.

L’azienda rappresenta un’industria altamente frammentata da 120 miliardi di dollari e 20 milioni di veicoli attivi. È cinque volte più grande della flotta creata da Uber ai tempi della crisi del Corona.

Valore aggiunto

Tara Kozroshahi, CEO di Uber Technologies, ha risposto all’accordo dicendo: “Possiamo davvero parlare di un accordo storico”. L’Italia è strategica per Uber Uno dei mercati più importanti Del mondo. “

READ  Sarà il partito con radici fasciste a fornire il prossimo presidente del Consiglio italiano?

“Crediamo fermamente che la cooperazione tra Uber e l’industria dei taxi possa aggiungere valore a tutte le parti. Vogliamo sviluppare un rapporto di fiducia con questo settore e costruire una migliore cooperazione in futuro.

Come molti paesi europei, l’Italia ha vietato l’uso di conducenti senza patente nei propri servizi a metà dell’ultimo decennio.

Questo era il divieto L’effetto di un’azione legale Preso contro Uber da squadre di taxi professionisti. Attualmente Uber opera in otto città in Italia, tra cui Roma e Milano. L’azienda offre il suo servizio Uber Black in quelle località con autisti professionisti su berline di lusso.

(Per esempio.)