QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ue – L’Italia chiede un’equa distribuzione degli immigrati nel mondo

L’Italia ha nuovamente chiesto la distribuzione dei migranti nell’Europa meridionale in vari Stati membri dell’Unione Europea. Il ministro dell’Interno Louisiana Lamorgis ha parlato mercoledì con il commissario europeo per gli Interni Elva Johansson, ha detto il suo ministero.

Durante la telefonata, Lamorges ha descritto l’attuale situazione in Italia e ha chiesto la convocazione di una riunione straordinaria dei ministri dell’Interno sulla questione. Centinaia di migranti al giorno giungono nell’isola italiana di Lampedusa per diverse settimane. Si tratta principalmente di persone che partono in barca in Tunisia o in Libia e sperano di raggiungere l’Europa attraverso il Mar Mediterraneo. Secondo il Viminale, quest’anno sono arrivati ​​in Italia via mare più di 30.200 migranti. Nello stesso periodo dell’anno scorso erano 14.800.

Erosione marina, stanchezza

Alcune compagnie private gestiscono navi di soccorso nel Mediterraneo per soccorrere migranti in difficoltà. Sia il Maritime Committee dell’ONG SOS Mediterranean che il Marine Surveillance 3-Marine Surveillance hanno recentemente riferito che le condizioni delle navi con centinaia di migranti si stavano deteriorando. Molti dei migranti salvati soffrono il mare e la stanchezza. Le navi cercano quindi con urgenza porti sicuri per sbarcare i migranti. Di solito questi immigrati finiscono anche in Italia.

Secondo i dati delle Nazioni Unite, quest’anno nel Mediterraneo sono morti circa 1.000 migranti.

È improbabile che l’appello dell’Italia all’UE produca molto. I negoziati per riformare il sistema europeo di asilo e migrazione sono stati bloccati per mesi da differenze fondamentali su come trattare con i migranti. Inoltre, Bruxelles ha già affermato più volte che ci sono più domande di asilo in Germania e Francia che in Italia.

READ  L'Italia è oggi il più grande produttore farmaceutico dell'Unione Europea

Durante la telefonata, Lamorges ha descritto l’attuale situazione in Italia e ha chiesto la convocazione di una riunione straordinaria dei ministri dell’Interno sulla questione. Centinaia di migranti al giorno giungono nell’isola italiana di Lampedusa per diverse settimane. Si tratta principalmente di persone che partono in barca in Tunisia o in Libia e sperano di raggiungere l’Europa attraverso il Mar Mediterraneo. Secondo il Viminale, quest’anno sono arrivati ​​in Italia via mare più di 30.200 migranti. Nello stesso periodo dell’anno scorso erano 14.800. Alcune compagnie private gestiscono navi di soccorso nel Mediterraneo per soccorrere migranti in difficoltà. Sia il Maritime Committee dell’ONG SOS Mediterranean che il Marine Surveillance 3-Marine Surveillance hanno recentemente riferito che le condizioni delle navi con centinaia di migranti si stavano deteriorando. Molti dei migranti salvati soffrono il mare e la stanchezza. Le navi cercano quindi con urgenza porti sicuri per sbarcare i migranti. Di solito questi immigrati finiscono anche in Italia. Secondo i dati delle Nazioni Unite, quest’anno nel Mediterraneo sono morti circa 1.000 migranti. È improbabile che l’appello dell’Italia all’UE produca molto. I negoziati per riformare il sistema europeo di asilo e migrazione sono stati bloccati per mesi da differenze fondamentali su come trattare con i migranti. Inoltre, Bruxelles ha più volte affermato che ci sono più domande di asilo in Germania e Francia che in Italia.