QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

UMC Utrecht sta studiando l’effetto del prednisolone sulla perdita dell’olfatto a lungo termine dopo il corona

Da novembre, l’UMC Utrecht sta studiando il trattamento della perdita dell’olfatto a causa del COVID-19. Si sta studiando se il farmaco antinfiammatorio prednisolone può essere efficace.

La perdita dell’olfatto è un sintomo comune del corona: due persone su tre infette dal virus riferiscono una perdita dell’olfatto. Questo di solito ritorna da solo dopo che l’infezione è scomparsa, ma la perdita dell’olfatto persiste nel 6-8 percento dei pazienti in via di guarigione.

volontari

Servono ancora volontari per partecipare allo studio COCOS a Utrecht. Le persone che si sono riprese dal COVID-19 e da allora hanno sofferto di una perdita dell’olfatto possono registrarsi tramite il link in fondo a questo articolo. Questo riguarda le persone di almeno 18 anni a cui è stato diagnosticato il COVID-19 nelle ultime 12 settimane. Inoltre, devono esserci state almeno quattro settimane o più di perdita dell’olfatto dall’infezione da corona.

I ricercatori di Utrecht ritengono che l’infiammazione intorno al nervo olfattivo possa essere la causa alla base della perdita dell’olfatto e queste infezioni possono essere ben trattate con il prednisolone. Nello studio COCOS di 12 settimane, metà dei pazienti sarà trattata con prednisolone e gli altri riceveranno un placebo. In entrambi i gruppi, una compressa viene assunta una volta al giorno per 10 giorni. I partecipanti allo studio ricevono anche un corso di formazione olfattiva di 12 settimane che prevede di annusare quotidianamente barattoli di un profumo specifico. Questo allenamento aiuta a promuovere il recupero del nervo olfattivo.

Escluso

Le persone che hanno già perso l’olfatto prima di contrarre il COVID-19, che hanno infiammazione cronica del naso o dei seni paranasali o che hanno usato corticosteroidi dopo essere risultati positivi al COVID-19, sia sotto forma di compresse, infusione o spray nasale, non possono partecipare nello studio COCOS. Sono escluse anche le donne in gravidanza o che desiderano una gravidanza durante lo studio. Neanche le persone che stanno già assumendo prednisolone per un altro motivo non possono partecipare.

READ  Da oggi anche "promuovendo" la vaccinazione in Suriname

maggiori informazioni

Leggi di più sullo studio COCOS qui

Clicca qui per registrarti per partecipare allo studio