QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un americano è stato ucciso nella guerra in Ucraina | Guerra tra Ucraina e Russia

Un cittadino americano che si era recato nel Paese per combattere contro le forze russe in Ucraina è stato ucciso il mese scorso. La sua famiglia lo ha riferito in un necrologio ed è stato confermato dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

Steven Zabelsky, 52 anni, è stato ucciso in una rissa il 15 maggio, come affermato nel libro necrologio In The Recorder, un quotidiano regionale dello Stato di New York.

Zabielski è nato e cresciuto a New York, ma ha vissuto in Florida negli ultimi anni. Ha lavorato nel settore edile negli ultimi 30 anni. Ha lasciato una moglie, cinque figli e un nipote.

Il Dipartimento di Stato Usa conferma l’uccisione di Zabelsky in Ucraina e afferma che la famiglia riceve “tutta l’assistenza consolare possibile”. Nella dichiarazione, il dipartimento ha nuovamente avvertito i cittadini statunitensi di non recarsi in Ucraina, poiché potrebbero essere presi di mira dal governo russo. Ha detto che gli americani che si trovano ora in Ucraina dovrebbero lasciare il Paese il prima possibile.

Nonostante i molteplici avvertimenti di non prendere parte ai combattimenti in Ucraina, molti americani si sono offerti volontari per combattere a fianco delle forze ucraine.

Tuttavia, diversi combattenti americani sono attualmente dispersi in Ucraina. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha confermato lunedì che i russi hanno arrestato due americani, Andy Guineh, 27 anni, e Alexander Drake, 39 anni, entrambi dell’Alabama, mentre combattevano per l’esercito ucraino. Secondo Peskov, gli uomini sono mercenari che mettono in pericolo la vita dell’esercito russo e devono essere ritenuti responsabili delle loro azioni.

READ  Trump rifiuta la testimonianza della figlia Ivanka

Mosca minaccia di processare i prigionieri mercenari americani