QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un atto simbolico di valore: Niels van der Poel assegna la medaglia d’oro a un espositore cinese | evidente

Con due medaglie d’oro, Nils van der Poel è stato una delle figure ai Giochi invernali. Ora sta regalando una di quelle medaglie alla figlia di Gui Minhai, uno scrittore svedese imprigionato in Cina. Un atto simbolico, ma una dichiarazione d’acciaio.

Quando Van der Poel è salito sul podio per ricevere la medaglia d’oro, aveva già un piano segreto. Il pattinatore svedese utilizzerà la medaglia come simbolo per denunciare il sistema cinese. Questo piano è ora diventato realtà.

Il campione olimpico di pattinaggio di velocità ha consegnato la medaglia alla figlia di Gui Minhai, scrittore svedese di origini cinesi che sta scontando una pena detentiva in Cina.

“Voglio che la violazione dei diritti umani in Cina finisca”, ha detto. “Inoltre, prego anche per il rilascio di Gui Minhai. So di chiedere troppo, ma è l’unica cosa che voglio”.

Mi sento offeso dal governo cinese.

Nils van der Pol

Lo scrittore svedese è stato condannato a 10 anni di carcere per aver fornito illegalmente informazioni ad altri paesi, secondo il regime cinese. Ha vissuto a Hong Kong, dove ha scritto libri critici nei confronti dei leader politici cinesi.

Van der Poel ha vinto l’oro nei 5000 metri e nei 10.000 metri a Pechino. Ha presentato la medaglia in una piccola cerimonia a Cambridge e ancora una volta ha colto l’occasione per criticare l’organizzazione dei Giochi invernali di Pechino.

“Non parlo per tutti gli atleti, ma ci sforziamo per la vetta per tutta la vita. Il governo cinese sta abusando dei nostri sogni per legittimare il loro sistema politico. Mi sento offeso”.

READ  Pro League termina la segregazione delle tribune per le persone non vaccinate | Jupiler Pro League

Angela Gui, figlia del prigioniero Minhai Gui, è felice di ricevere la medaglia. “Spero che questo non sia necessario, ma è positivo che la medaglia possa simboleggiare la solidarietà con i prigionieri politici come mio padre”.