QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un caregiver su tre è vittima di aggressione

Un caregiver su tre ha subito aggressioni sul lavoro durante il COVID-19. Lo dimostrano i dati di IDEWE, il servizio di prevenzione e protezione sul lavoro.

Il Covid-19 non ha certo mitigato queste abitudini, secondo gli ultimi dati per Corona 2020 e 2021 di IDEWE, estratti dai dati grezzi statici su richiesta di De Standaard. Il 17%, ovvero quasi uno su cinque su 60.000 partecipanti alla professione di comunicazione, ha affermato di aver subito aggressioni da parte di estranei sul posto di lavoro nei sei mesi precedenti l’indagine. I dipendenti più giovani e in particolare le donne spesso hanno difficoltà.

Il settore sanitario sta prendendo la torta a quei numeri già allarmanti. “Più di un dipendente su tre (34,4%) afferma di aver subito un’aggressione esterna”, afferma Lode Godderis, CEO di IDEWE, professore di medicina del lavoro presso KU Leuven e membro del comitato consultivo di Corona Gems. “I problemi non sono nuovi, sono stati portati al culmine dalla pandemia. L’aggressività è una risposta essenziale per tutti e in ogni momento, ma è più comune nelle situazioni di crisi. La pandemia è fonte di stress per entrambi gli operatori sanitari e pazienti o visitatori.

Il Covid-19 ha cambiato la natura degli incidenti. “Quello che chiamiamo aggressione frustrante, in particolare, è peggiorato”, afferma Stijn Van Daele, direttore della sicurezza presso UZ Gent. “Quelle collisioni stanno peggiorando”.

Secondo molti attori del settore, i numeri sono sottostimati. Van Daley sospetta che “molti infermieri o medici non riferiscano o interrompano gli incidenti”. Il fatto che i caregiver non segnalino incidenti o riferiscano molto poco è in parte dovuto alla mancanza di tempo, ma a volte anche all’abitudine.

READ  Da oggi è disponibile il certificato Corona che ci permette di viaggiare in Europa: ecco come funziona e puoi ottenerlo qui | Notizie su Instagram VTM