QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un dipendente Ikea è stato ingiustamente licenziato per un buono cibo di 2,50 euro

© Reuters

Un dipendente di un negozio Ikea ad Haarlem, nei Paesi Bassi, è stato licenziato sul posto per aver ottenuto un buono aggiuntivo. Il giudice del tribunale distrettuale ha ora stabilito che ciò è ingiusto e ha annullato il licenziamento. IKEA deve continuare a pagare il suo stipendio.

fontetelegrafo

L’uomo stava facendo un turno domenica, con Ikea che offriva un buono per un pasto di € 2,50. Questo è stato riportato in una newsletter. In precedenza, i voucher venivano distribuiti, ma in seguito è stato deciso che i dipendenti dovessero ritirarli alla reception. Tuttavia, l’uomo ha preso una ricevuta alle 12:00 e alle 16:00.

Quando si è confrontato con il dipendente, ha negato. Tuttavia, l’incidente è stato ripreso dalla telecamera e poi mostrato all’uomo. L’uomo ha poi affermato di aver ottenuto il secondo scontrino per il collega. Tuttavia, ciò è stato negato e il collezionista di coupon è stato licenziato. Poi è andato in tribunale.

Il giudice ora riconosce che l’uomo licenziato racconta una storia incoerente, ma è ancora a suo favore. Si ritiene che non vi siano ragioni urgenti per il licenziamento immediato. Per fare ciò, deve essere assolutamente chiaro che avere più di una ricevuta comporta l’immediato licenziamento.

Tuttavia, non è possibile provare che il dipendente abbia letto la newsletter, né afferma che i dipendenti non sono autorizzati a raccogliere ricevute l’uno per l’altro. Quindi il licenziamento era una punizione molto severa. Il licenziamento è stato annullato, costringendo Ikea a continuare a pagare il dipendente per quattro mesi. Ikea non deve prolungare il contratto dopo, perché il rapporto d’affari è rotto.

READ  Il marchio di cioccolato Sint-Amands Boerinneke si diffonde nelle mani di ... (Economisti)