QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un esopianeta con un’orbita da record – KIJK Magazine

Questo caldo Giove ha scoperto la sua orbita più corta fino ad oggi. La Terra impiega 365,25 giorni per girare intorno al sole e questo gigante gassoso impiega solo 16 ore.

Il telescopio della NASA TESS Scoprì un altro pianeta extrasolare, a circa 855 anni luce di distanza. Pianeta TOI-2109, un enorme gigante gassoso una volta e mezzo più grande di Giove e cinque volte la sua massa. Con questa massa, orbita intorno alla sua stella più velocemente di qualsiasi altro pianeta scoperto. Anche il precedente detentore del record NGTS-10b non ha impiegato molto a 18 ore, ma l’orbita del TOI-2109 è davvero più breve a 16 ore.

Leggi anche:

Hetty Tanti

A causa di questa orbita stretta, il pianeta è molto vicino alla sua stella. In confronto, questa distanza copre circa l’1,6% dell’area tra la Terra e il Sole. Non a caso, quindi fa molto caldo: la temperatura superficiale è di circa 3500 gradi Celsius. Questo è più caldo di alcune stelle.

Queste temperature ci permettono di collocare un esopianeta nella categoria di Giove caldo. Come suggerisce il nome, questi pianeti esterni sono giganti gassosi, come Giove. La grande differenza è che Giove ha un’orbita di 12 anni, mentre il Giove caldo orbita intorno alla sua stella in 10 giorni o meno. A causa di questa breve distanza, i giganti gassosi luminosi “guardano” sempre il Sole da un lato, mentre bruciano lentamente ma inesorabilmente.

origine sconosciuta

Quelle temperature sembrano abbastanza strane, ma la storia sta diventando più folle: i Giove caldi non possono formarsi dove gli scienziati li trovano. La gravità della stella, la radiazione e il flusso di particelle cariche (quelle che chiamiamo tempeste solari) impediscono al gas di aggregarsi in un gigante gassoso. Tuttavia, centinaia di queste sfere calde sono già state scoperte.

READ  Samsung presenta uno schermo per smartphone a doppia piegatura da 7,2 pollici e uno schermo OLED pieghevole da 17 pollici - tablet e telefoni - notizie

Gli astronomi ritengono che gli esopianeti si siano formati a una distanza maggiore, spostandosi a poco a poco verso il centro della galassia, dove si trova la stella madre. Ma gli astronomi non lo sanno per certo. Ecco perché stanno cercando quanti più giganti di gas caldi possibile, in diverse fasi della loro vita. Le osservazioni di questi esopianeti sono state raggruppate, creando una sorta di libro dell’evoluzione dei caldi Giove. Si spera che gli astronomi scopriranno presto come si è risolto TOI-2109 in questa situazione angusta.

Risorse: Giornale Astronomicoe ScienceAlert

Foto: Wikimedia