QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un famoso romanzo francese tenta di spiegare il fenomeno Putin.  Molto buono secondo alcuni critici

Un famoso romanzo francese tenta di spiegare il fenomeno Putin. Molto buono secondo alcuni critici

romanzo popolare sussurrò il Cremlinodipinge un quadro favorevole del leader russo, secondo i critici che temono che il romanzo possa influenzare la politica nazionale sulla guerra in Ucraina.

Costante Mihot

Ci sono “due cose che i russi vogliono dallo stato: ordine interno e forza esterna”. Questo dice il presidente immaginario Vladimir Putin Stagno del Cremlino o sussurrò il Cremlino, un romanzo sui meccanismi interni del suo governo che affascina la Francia. Il lavoro ha vinto premi e ha venduto oltre 430.000 copie.

Il romanzo è stato pubblicato poco dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina lo scorso febbraio ed è diventato una guida popolare per comprendere le motivazioni di Putin. Lo scrittore italo-svizzero Giuliano da Empoli divenne un ricercato “studioso del Cremlino”, invitato a pranzo con il primo ministro francese e al principale telegiornale francese del mattino per analizzare gli sviluppi della guerra.

Il suo successo illustra il potere duraturo della letteratura in Francia, dove i romanzi hanno da tempo un dibattito pubblico. Il primo ministro Elizabeth Bourne ha detto attraverso un portavoce di aver “apprezzato molto il suo libro, che fonde finzione e realtà e riflette sull’attualità internazionale e sulla guerra in Ucraina”.

essi

Ma in un paese in cui il successo letterario è un test di Rorschach, il successo del romanzo ha anche sollevato dubbi sul fatto che il libro stia plasmando la visione della Russia della Francia. Secondo i critici del libro, il libro dipinge un’immagine per lo più positiva di Putin e potrebbe influenzare la politica in un paese già rimproverato per aver perdonato eccessivamente il leader russo.

“The Kremlin Whisperer” di Giuliano da Empoli, in mostra in una libreria a Parigi.foto di NYT

sussurrò il Cremlinoa volte letto come un saggio, è incentrato su un resoconto romanzato di un potente aiutante di Putin che ha riflettuto a lungo sulla decadenza occidentale, l’obiettivo degli Stati Uniti di mettere la Russia “in ginocchio” e la preferenza dei russi per un leader forte, temi tipici del Cremlino che, secondo i critici, non sono stati criticati dall’autore.

Nella migliore delle ipotesi, la popolarità del libro riflette ciò che Gérard Araud, l’ex ambasciatore francese negli Stati Uniti, definisce “una sorta di fascinazione francese per la Russia”, alimentata da una storia condivisa di rivoluzione, impero e capolavori culturali. Nel peggiore dei casi, dicono i critici, indica opinioni blande sulla persistenza di Putin in Francia che potrebbero plasmare la posizione del paese sulla guerra, come evidenziato dagli appelli del presidente Emmanuel Macron a non umiliare la Russia.

“Il libro trasmette i cliché della propaganda russa, con alcune sfumature. Quando vedo il suo successo, mi preoccupa”, dice Cecile Vaissy, professoressa di scienze politiche specializzata in Russia all’Università di Rennes 2.

Il punto di vista di Satana

L’anatomia della politica non era una novità per Da Empoli. Ex vicesindaco di Firenze e consigliere di un presidente del Consiglio italiano, ha già pubblicato decine di articoli politici in italiano e in francese, tra cui uno sulle elezioni presidenziali di Barack Obama nel 2008. Ma da Empoli ha voluto avventurarsi nella fantasia e ha avuto una “magia ” sulla sua proiezione del potere. Russo. Così modella il narratore del suo primo romanzo su Vladislav Surkov, una delle figure più interessanti del paese. “La sfida per il libro è assumere il punto di vista del diavolo”, afferma Da Empoli.

Giuliano da Empoli, autore di un libro

Giuliano da Empoli, autore di “The Kremlin Whisperer”.foto di NYT

Fino a poco tempo fa, Surkov era il principale ideologo di Putin e uno degli artefici del controllo altamente centralizzato di Putin, guadagnandosi la reputazione di burattinaio e il soprannome di “Putin’s Rasputin”. “Sono rimasto colpito dalla natura romanzesca del personaggio”, ha detto Da Empoli, un pudico 49enne che ora studia a Sciences Po a Parigi. Aggiunge di aver visitato la Russia quattro volte e di aver letto molti articoli sulla politica del paese e sul regime di Putin durante le sue ricerche.

Il narratore descrive i meccanismi interni del governo di Putin. Il suo percorso si incrocia con veri giocatori del Cremlino come Yevgeny Prigozhin, fondatore del famigerato gruppo di mercenari Wagner, con il quale ha creato allevamenti di troll per seminare disinformazione e divisione in Occidente.

Da Empoli ha presentato il suo manoscritto alla Gallimard Publishing due anni fa. Ha detto che non si aspettava molto dal suo primo tentativo di scrivere un romanzo. Poi è arrivata l’invasione russa dell’Ucraina. Il romanzo, che da tempo doveva essere pubblicato in primavera, è stato uno dei primi nuovi look di Putin. È diventato rapidamente il discorso della città. “Non vado a cena oa pranzo senza presentare il libro”, ha detto Helen Carrer de Encouz, una specialista di storia russa che ha condannato la guerra ma ha precedentemente difeso Putin. “È la chiave per capire Putin”. L’ex ministro degli Esteri francese Hubert Vedrine ha detto che “il passaparola è stato così buono” che si è sentito in dovere di leggere il romanzo, che ha definito “incredibilmente credibile”.

sussurrò il Cremlino È stato il quinto libro più venduto in Francia nel 2022. Ha vinto un premio dell’Accademia di Francia ed è stato vicino al Prix Goncourt, il premio letterario più prestigioso in Francia. Dopo non meno di quattordici turni di votazione, il voto è stato inferiore.

Alti politici e diplomatici hanno pubblicamente elogiato il romanzo. Edouard Philip, l’ex primo ministro, ha salutato il processo come “una grande meditazione sul potere”. Da Empoli è stato invitato in ogni talk show per analizzare il conflitto in corso. “Le circostanze hanno chiaramente cambiato il modo in cui il libro è stato accolto”, ha detto Da Empoli, che vede il suo romanzo più come una finzione politica che come una guida per comprendere la Russia. “Non me lo aspettavo necessariamente.”

Non fu l’unico a essere sorpreso. Molti esperti russi hanno espresso disgusto per l’accoglienza entusiastica del romanzo. Dicono che il libro sia particolarmente indulgente con Putin, dipingendolo come un combattente contro l’oligarchia per il bene del popolo e “rimettendo in piedi la Russia” pur essendo disprezzato dall’Occidente. In un passaggio, il narratore descrive l’orgoglio dei russi quando hanno saputo che il 1 gennaio 2000, il suo primo giorno in carica, Putin ha fatto una visita a sorpresa alle forze combattenti in Cecenia. “C’era un altro comandante in carica”, dice. Françoise Thom, docente di storia russa alla Sorbona, afferma che queste descrizioni “oscurano completamente la dimensione sordida della realtà di Putin” e sono “molto vicine all’immagine della propaganda russa”. Weissy lo ha messo più chiaramente. “È un po’ come la Russia oggi per Saint-Germain-des-Prés”, dice, riferendosi al canale televisivo finanziato dal Cremlino e alle roccaforti parigine dell’élite letteraria francese.

Diversi diplomatici francesi non erano d’accordo, affermando che il romanzo offre una visione utile della mentalità del regime di Putin. Abbiamo bisogno di sentire anche quella voce”, ha detto Sylvie Berman, ex ambasciatrice francese a Mosca. “Questo non significa che siamo d’accordo”.

I gruppi di destra francesi hanno a lungo criticato Putin. Intellettuali di spicco, come Carrère d’Encausse, hanno sostenuto la posizione del Cremlino secondo cui l’Occidente avrebbe disonorato la Russia dopo la fine della Guerra Fredda. in condizioni normali sussurrò il Cremlino Ha alimentato un’innocente faida letteraria del tipo che ha regolarmente attanagliato la Francia. Ma non in tempo di guerra.

divisione europea

La lite sul libro arriva in un momento in cui in Europa persistono disaccordi su come trattare con Putin. Mentre i paesi dell’Europa orientale come la Polonia affermano che deve essere sconfitto a titolo definitivo, i paesi dell’Europa occidentale come la Francia oscillano tra il fornire inequivocabilmente sostegno finanziario e militare all’Ucraina e cercare un riavvicinamento con Putin.

Disegna un libro

Il libro “The Kremlin Whisperer” dipinge un’immagine favorevole del leader russo, affermano i critici che temono che la politica nazionale francese sulla guerra in Ucraina possa essere influenzata dal libro.foto di NYT

“Questo libro è quasi diventato un manuale di storia e politica per i leader francesi”, ha detto Alexander Melnik, un ex diplomatico russo che si oppone a Putin. Ha fatto riferimento alle dichiarazioni di Macron, che sembrava comprendere le lamentele della Russia. Tre consiglieri presidenziali si sono rifiutati di dire o hanno detto di non sapere se Macron avesse letto il romanzo.

Vedrine, un ex ministro degli Esteri che a volte consigliava Macron sulla Russia, ammette che se il presidente francese leggesse il libro, non lo inciterebbe ad assumere una posizione aggressiva contro la Russia. Aggiunge che vede un vantaggio a medio termine per la popolarità del libro: un appello a raggiungere Putin “quando sarà accettabile”.

sussurrò il Cremlino È uscito in italiano la scorsa estate, ha venduto circa 20.000 copie ed è diventato famoso in Italia come un grande romanzo. Quasi 30 traduzioni sono state rilasciate o sono in lavorazione, anche in inglese, ma non ancora in russo o ucraino.

Da Empoli afferma che il suo unico obiettivo era scrivere un romanzo “credibile”, niente di più. “Il libro assume una vita propria non appena viene pubblicato.”

© Il New York Times

READ  Il tifone Nanmadol provoca danni in Giappone, nessun decesso