QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un farmaco anti-obesità di successo, ma non disponibile per tutti

Da quest’anno nell’assicurazione di base sono stati inclusi due farmaci per l’obesità. “È un grosso problema, metà degli olandesi è in sovrappeso”, afferma la specialista in medicina interna Ariane van Bonn. Lavora al Rijnstate Hospital e alla Vitalys Overweight Clinic. “Dobbiamo davvero fare qualcosa al riguardo, e per alcune persone, questo farmaco è un ottimo inizio per una vita diversa e una salute migliore”.

Non ho perso peso

Una di queste persone è Fleur van der Klee, 49 anni. Ha usato il farmaco per l’obesità Saxenda per un anno. All’inizio l’ha pagata lei stessa, ma dall’aprile di quest’anno è stata risarcita. “Mi si è aperto un mondo. A causa dei farmaci, non penso più al cibo tutto il tempo”.

Dopo che Fleur ha smesso di fumare, il suo peso è aumentato da 70 a 115 chilogrammi e non si è mai esaurito. “A quel tempo ho perso dieci chilogrammi a causa di una dieta povera. Poi ho iniziato a fare yo-yo. Ho smesso di bere alcolici e ho iniziato a fare esercizio, ma non riuscivo a perdere peso. Sono finito con un internista e lui ha detto: ‘Noi hanno anche Saxenda.'” Puoi usarlo se stai anche seguendo un corso di stile di vita sano. “

Non più mangiare tutto il giorno

Flor non è solo idonea per un farmaco per l’obesità a causa del suo peso extra. Aveva anche problemi cardiovascolari. “È stata una lotta enorme, ho perso dieci chili e ne ho presi di nuovo dodici. Non ero molto felice”, dice. “Ma ora ho perso venti chili e sto saltando fuori dalla macchina di nuovo invece di strisciare come un vecchio.”

READ  Il farmaco migliora l'elaborazione della stimolazione nei bambini con autismo

Van Bonn spiega che i farmaci agiscono come un soppressore dell’appetito un giorno. “Al centro del mangiare, il farmaco crea una sensazione di pienezza che queste persone spesso non provano più. Così possono sentirsi in pace e non sono più occupate a mangiare tutto il giorno”. Secondo Van Boon, molte persone sono gravemente sovrappeso non solo per lo stile di vita, ma anche per influenze ormonali, farmaci o stress.

Regole severe

“So che un farmaco non è una panacea”, dice Fleur. “Mi alleno anche settimanalmente e cammino molto. Dovresti anche prendere questo farmaco con uno stile di vita sano e considerarlo più come un supporto per una perdita di peso sostenibile. Niente più allenamento con il mio peso”.

Ma il farmaco non è disponibile per tutti coloro che sono in sovrappeso. Le regole sono rigide. Ad esempio, devi aver seguito un corso di formazione su uno stile di vita sano per un anno, avere un BMI molto alto e problemi fisici aggiuntivi. Se puoi quindi iniziare il farmaco, verrà controllato dopo sedici settimane per vedere se hai perso almeno il cinque percento del tuo peso. Se questo non funziona, il trattamento sarà interrotto.

Li ho aiutati

Van Bonn vede spesso pazienti a cui vorresti prescrivere farmaci, ma che non rispettano le regole. “Si tratta, ad esempio, di persone che hanno un indice di massa corporea molto basso, ma che hanno già seguito numerosi corsi sullo stile di vita e provato molte diete”, afferma l’internista. “A volte è molto difficile per me come medico dire a queste persone: fai un altro corso, perché non sei idoneo per il farmaco”.

READ  Preoccupazioni per la mancanza di una decisione sul vaccino a rotazione per tutti i bambini

Secondo Van Bonn, alcune persone con un BMI superiore a 35 saranno aiutate bene dai farmaci. “Questi ragazzi si sono allenati sullo stile di vita ottanta volte, per così dire, e si sentono davvero tristi se devono farlo di nuovo. Penso davvero che queste persone dovrebbero prendere rapidamente i farmaci, sono stati solo aiutati con quello”.

Fornire personalizzazione

D’altra parte, il medico non sostiene l’applicazione regolare del farmaco. Van Boon conclude: “Non voglio vedere persone con un BMI di 30. A meno che non abbiano un’aritmia, il che rende loro difficile seguire il corso. Voglio solo essere in grado di fornire la personalizzazione”.

Van Bonn ora vede anche un gruppo di pazienti che scelgono di pagare da soli il farmaco. Devono stanziare da 120 a 150 euro al mese per questo.