QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un grosso bastone nel volante alternativo ai cookie di Google


Google è in grossa difficoltà ora che il mercato si è rivoltato contro il sistema che dovrebbe diventare l’alternativa ai tracking cookie di terze parti. L’imminente scomparsa di questo strumento pubblicitario colpisce il fulcro della sua attività pubblicitaria e la nuova API Topics funziona alla grande.

“Apprezziamo lo sforzo, ma non vogliamo che lo sviluppo dell’API di Topics continui.” Questo commento deve essere un duro colpo per Google. Da gennaio 2021 Il team di Chrome sta lavorando a un sistema che consente agli utenti di essere presi di mira tramite il browser senza compromettere la loro privacy. E Google non sembra avere successo.

Un anno fa, il primo tentativo, FLoC API, gettato in mare. Ciò ha vacillato a causa della mancanza di supporto nel settore dei media e della pubblicità. Nelle ultime settimane è diventato chiaro che Google non può contare sul supporto del W3C. Questa è l’organizzazione senza scopo di lucro responsabile di tutti gli standard su cui opera il World Wide Web.

Nel 2020, Google ha annunciato per l’ultima volta che dal 2022 non sarà più possibile inserire cookie di terze parti nel proprio browser. Questo non è più possibile con Safari e Firefox. Questa scadenza è stata posticipata due volte ed è ora vicina alla fine del 2023.

Google sta cercando un modo per raccogliere dati sui suoi utenti che utilizzano Chrome e presentarli agli inserzionisti. Il principio guida qui è che la privacy degli utenti dovrebbe essere protetta. In altre parole: deve rimanere digitalmente indistinguibile.

READ  Minisforum lancia un mini PC con CPU AMD 4700S e Radeon RX 550 - Computer - Notizie

Ecco perché Google è venuto dopo l’API FLoC Con temi API. Funziona anche in base alla cronologia del browser. In Argomenti, Chrome identifica i temi dei contenuti più utilizzati nell’ultima settimana. Questa è la base per il profilo di qualcuno nei confronti degli inserzionisti. Questi argomenti non verranno conservati per più di tre settimane e poi cancellati. L’utente può anche ignorare aree di interesse precedentemente non correlate nelle impostazioni di Chrome.

Nel marzo 2022 Sviluppato Google Chrome è una nuova soluzione per la presenza colleghi Gruppo di ingegneria tecnica al W3C. Questo è l’errore ora.

L’olandese Anne van Kesteren di Apple lavora su questi tipi di custodie per browser. commentalo: “Questa non è una buona aggiunta per il web, perché il comportamento di navigazione non dovrebbe essere esposto alle API.” A differenza di Google, Apple non ha bisogno di monetizzare la pubblicità online e può proteggere quasi altrettanto attivamente la privacy degli acquirenti di computer.

In linea di principio, Mozilla lo considera allo stesso modo di Apple e Esprime paura Fare un uso improprio degli argomenti.

Amy Jay di W3C TAG Conclude: “Apprezziamo lo sforzo, ma non vogliamo che lo sviluppo dell’API di Topics continui.” Ciò rende intrinsecamente il browser parte di un sistema pubblicitario e non dovrebbe esserlo. L’utente non ha un controllo preciso su ciò che viene condiviso con chi lo circonda in qualsiasi contesto con il mondo esterno. Secondo Guy, il W3C è particolarmente preoccupato per la possibilità che i dati dell’API Topics vengano combinati con altre fonti di dati per scopi di tracciamento.

READ  Ecco come appare il sole da vicino

Anche Microsoft è membro del gruppo di lavoro del W3C ma non ha ancora commentato pubblicamente la questione.

Non è ancora noto cosa Google intenda fare con questi commenti. Il gruppo non si permetterà di mangiare il formaggio dal pane. Chrome detiene una quota di mercato internazionale del 64%. Nei Paesi Bassi questa cifra è del 56%. Il dibattito sul fatto che le opzioni di targeting del browser vadano o meno al centro del potere di guadagno di Google. Il gigante della tecnologia ha un fatturato annuo di circa $ 300 miliardi. La maggior parte di ciò si ottiene offrendo annunci personalizzati online.

Google potrebbe posticipare la scadenza autoimposta per eliminare gradualmente il tracciamento di terze parti da Chrome al 2024 o successivamente. Tuttavia, potrebbe quindi entrare in conflitto con i regolatori europei della privacy. Pertanto la collaborazione con l’autorità inglese per la concorrenza e i mercati (CMA) è di scarso valore, dal momento che il Regno Unito non è membro dell’Unione europea.

I temi, come FLoC, fanno parte di Chrome Protezione della privacyprogetto, un ambiente in cui Google testa nuove tecnologie pubblicitarie in stretta consultazione con i media, gli inserzionisti e le autorità di regolamentazione.

immagine: (cc)