QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un incendio raggiunge una centrale elettrica turca, sedici incendi ora…

L’incendio si sta avvicinando alla centrale elettrica da martedì.
Foto: AFP

I vigili del fuoco turchi sono ancora impegnati a spegnere gli incendi boschivi che hanno dilagato il Paese per più di una settimana. Il ministro turco dell’agricoltura e delle foreste ha dichiarato mercoledì sera che 16 incendi in sette province non sono ancora stati domati. Uno degli incendi ha raggiunto una centrale elettrica mercoledì.

L’incendio divampa da più di una settimana sulla costa mediterranea della Turchia, molto popolare tra i turisti. L’area intorno a Mugla e Antalya è stata gravemente danneggiata.

Il ministro turco dell’agricoltura e delle foreste, Bekir Pakdemirli, ha affermato che dal 28 luglio sono stati controllati 167 incendi in 33 province. Tuttavia, mercoledì sera gli incendi continuano a divampare in 16 luoghi in 7 distretti: sono ancora 7 gli incendi attivi nella provincia di Mugla (a Marmaris, Koycegiz, Kavaklidere, Yilanli, Sedekemir e 2 nei distretti di Milas), 2 incendi nella provincia di Antalya (in Manavgat) e Gündogmus), 2 a Denizli (a Tavas e Güney), 2 a Sparta (entrambi a Sütçüler), 1 ad Adana (a Feke), 1 ad Aydin (a Karacasu) e 1 a Hatay (a Dörtyol).

Il ministro dell’Interno Suleyman Soylu ha stimato martedì sera che 16.000 persone sono state evacuate e circa 2.000 edifici distrutti nella sola provincia di Mugla. Il bilancio delle vittime degli incendi a livello nazionale è arrivato a otto. Puoi vedere in TV come i turchi fuggono dal fuoco in preda al panico. Evacuati anche molti turisti.

La vera portata della devastazione non sarà chiara fino a quando tutti gli incendi non saranno stati completamente spenti, ma si stima che abbiano già preso fuoco più di 100.000 ettari. Nelle ultime due settimane, si dice che l’incendio abbia bruciato più di tre volte l’area normalmente colpita in un anno medio.

READ  Nuovo processo a due parenti di Alexei Navalny | all'estero

Leggi di più. Turchi fiamminghi in vacanza tra nuvole di fumo e cenere: “Qui la solidarietà è impressionante”

Siccità, ondata di caldo – che a Marmaris ha raggiunto la temperatura record di 45,5 gradi – e forti venti rendono difficile spegnere il fuoco. Più di 5.000 soldati sono stati schierati per combattere l’incendio. Anche i vigili del fuoco turchi stanno ricevendo assistenza internazionale. Diversi paesi, tra cui Russia, Croazia e Spagna, hanno inviato aerei antincendio.

Incendio nella centrale elettrica

Un incendio raggiunge una centrale turca, sedici incendi non sono ancora domati
Foto: AFP

Aerei antincendio spagnoli hanno anche aiutato a spegnere le fiamme intorno alla centrale elettrica di Kemerkoy a Milas, a est di Bodrum nella provincia di Mugla, dove da martedì divampa un incendio nell’area. Lì, l’acqua di mare è stata gettata in fiamme dall’aria. Serbatoi contenenti materiali infiammabili ed esplosivi sono stati svuotati e gli operatori umanitari turchi hanno scavato trincee intorno all’edificio per tenere lontane le fiamme. Sono stati utilizzati anche cannoni ad acqua della polizia. Mercoledì pomeriggio, il pericolo più grande sembrava essere passato.

Ma il sindaco di Milas Mehmet Tokat, del principale partito di opposizione in Turchia, il Partito Repubblicano Popolare (CHP), ha detto mercoledì sera che le fiamme sono entrate nella centrale a carbone. L’emittente di Stato TRT ha riferito che le fiamme erano “saltate”. I forti venti hanno reso gli incendi imprevedibili. Al suono delle sirene, la centrale è stata evacuata. Secondo il ministero della Difesa turco, i residenti sono stati evacuati via mare all’avvicinarsi dell’incendio. Il sindaco Tokat ha detto di aver avvertito per giorni che la fabbrica era in pericolo.

Le immagini della televisione turca mostrano come l’incendio si sia diffuso nella zona attraverso i cavi ad alta pressione. Si dice che la stazione fosse collegata alla rete elettrica quando l’incendio ha raggiunto l’edificio. I serbatoi pieni di idrogeno, tipicamente utilizzati per raffreddare l’impianto, sono stati svuotati per precauzione e riempiti d’acqua. Tutte le sostanze chimiche esplosive sono state rimosse, secondo le autorità regionali, ma si teme che l’incendio possa raggiungere migliaia di tonnellate di carbone scaricate nel sito.

READ  "Ultima chiamata: fai il tuo primo colpo corona prima del 10 settembre" | interno
Un incendio raggiunge una centrale turca, sedici incendi non sono ancora domati
Foto: AP

Disordini politici e regole per i media

Gli incendi hanno anche causato disordini politici. L’opposizione ritiene che il governo del presidente Recep Tayyip Erdogan avrebbe dovuto mobilitare più risorse e uomini più rapidamente e accettare più rapidamente gli aiuti esteri. I partiti di opposizione affermano che il governo ha decimato le risorse antincendio negli ultimi anni e migliaia di utenti dei social media hanno chiesto le dimissioni di Erdogan.

Il governo difende il suo approccio “coordinato”. Erdogan ha confermato in televisione mercoledì sera che la Turchia stava affrontando i peggiori incendi boschivi di sempre. “Gli incendi che si verificano quest’anno non sono mai accaduti nella nostra storia. Questo è il più grande focolaio”. Ha detto che tre ministri sono andati alla centrale elettrica di Milas per supervisionare la situazione, e aerei ed elicotteri hanno passato tutto il giorno a combattere il fuoco nelle vicinanze. Secondo il sindaco, il supporto aereo non è stato sufficiente. Erdogan ha accusato l’opposizione di “terrore della menzogna” per criticare e ha affermato che anche i governi locali sono da biasimare.

L’organismo di vigilanza sui media turchi RTÜK ha ordinato ai media di esercitare moderazione nel trasmettere le immagini degli incendi. “Non siamo contro la segnalazione di incendi boschivi, ma contro i materiali che causano disordini e caos”, ha spiegato il vice capo del regolatore. Le stazioni che vanno male “comunque” rischiano una multa.

Leggi anche. Gli intensi incendi boschivi in ​​Turchia e in Italia non sono affatto il risultato dei cambiamenti climatici: gran parte di essi sono stati accesi