QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un incidente di questa portata non è mai accaduto.

Non si trattava di hackerare Internet, ma piuttosto di distruggere i cavi intorno a Parigi e Lione. Un incidente del genere non era mai accaduto prima. “Questa è la prima volta e non sappiamo chi l’ha fatto”, ha detto AFP citando una fonte anonima. La natura e l’entità della distruzione suggerisce che sono opera di persone che conoscono bene le reti.

Secondo Nicholas Guillaume, direttore di Netalis, una rete aziendale, “Questo è potenzialmente un caso di terrorismo digitale”. L’effetto e il coordinamento delle distruzioni simultanee indicano che erano ben pianificate.

Mercoledì, il ministero dell’Economia ha confermato che diversi cavi sono stati tagliati nell’Ile-de-France (Parigi e dintorni), colpendo la rete via cavo e il traffico Internet mobile.

Danno spinale

Secondo la Free Communications Company, il vandalismo è stato commesso martedì sera alle 4 del mattino. Si dice che tre dei quattro cavi principali del Free, la “dorsale” che collega l’intera rete nazionale, siano stati danneggiati. Almeno 100.000 clienti gratuiti sono stati interessati da questa misura. Un’altra società, SFR, ha confermato la distruzione della sua rete nell’Ile-de-France e nella regione di Lione. Sono stati presi di mira anche i cavi lungo autostrade, ferrovie e corsi d’acqua.

Nessuno ha rivendicato l’atto. Anche questo non è accaduto dopo un’azione simile il 20 marzo. Poi i cavi di Orange, il più grande provider Internet francese, sono stati tagliati intorno a Parigi. Le conseguenze sono state di vasta portata: diverse decine di migliaia di utenti sono stati colpiti e il danno è stato limitato a Orange e alla regione di Parigi.

READ  La Bielorussia risponde alle nuove sanzioni occidentali con le proprie...