QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un italiano torna dalle vacanze con corona, vaiolo delle scimmie e HIV

Un italiano di 36 anni ha contratto coronavirus, vaiolo delle scimmie e HIV mentre era in vacanza in Spagna. Lo riferiscono ricercatori italiani. Secondo gli scienziati, una combinazione così sfortunata non è mai stata creata prima.

Tre giorni dopo la comparsa dei primi sintomi – tosse, mal di testa e dolori muscolari – l’uomo è risultato positivo al coronavirus per la seconda volta. Ha avuto anche il Covid-19 a gennaio, poche settimane dopo essere stato vaccinato. Poche ore dopo essere risultato positivo al coronavirus, l’uomo ha anche sviluppato un’eruzione cutanea sul braccio sinistro e successivamente vesciche su tutto il corpo. È stato portato all’ospedale di Catania, nell’isola di Sicilia. In ospedale, l’uomo è stato sottoposto a ulteriori esami il 5 luglio: i medici hanno dovuto dirgli che aveva anche il vaiolo delle scimmie e l’HIV.

Secondo i ricercatori, l’uomo trasportava un alto carico di virus, il che potrebbe essere un’indicazione della sua recente infezione. L’uomo era risultato positivo al virus nel settembre dello scorso anno. Ha dichiarato di aver avuto rapporti sessuali non protetti con uomini in Spagna.

Dopo una settimana in un letto d’ospedale, è stato dimesso con solo una piccola cicatrice rimasta. Secondo i ricercatori, avrebbe dovuto rimanere in quarantena domiciliare per alcuni giorni perché era ancora contagioso. L’uomo dovrà anche sottoporsi a cure per l’HIV. Poiché è noto un solo caso di tripla infezione, i ricercatori non osano trarre conclusioni su cosa significhi la combinazione per la gravità del decorso della malattia.

READ  E i piccoli pipistrelli balbettano felici