QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un messaggio in codice dell’imperatore Carlo V finalmente decodificato dopo cinque secoli | Scienze

Un team di ricercatori francesi è riuscito a decifrare una lettera scritta dall’imperatore Carlo V. Dal 1519 al 1556 fu imperatore dell’Impero Romano-Germanico, che comprendeva anche i Paesi Bassi. La lettera vecchia di cinque secoli smentisce le voci di un complotto per assassinare i francesi.

Carlo V fu uno dei personaggi più potenti del Cinquecento. Ha guidato un gigantesco impero che copriva la maggior parte dell’Europa occidentale e del Nuovo Mondo durante un regno di oltre 40 anni.

Nel 1547, Carlo V inviò una lettera a Jean de Saint-Maurice, suo ambasciatore in Francia. Il periodo turbolento fu segnato da una serie di guerre e tensioni tra la Spagna e la Francia, allora governata da Francesco I.

Cecile Pierrot per lettera. © Afp

La lettera di Carlo V, scritta in cifra, è conservata da secoli nella Biblioteca Stanislas di Nancy. Cécile Pierrot, crittografa presso LORIA – lorrain de recherche en informatique laboratory – ha sentito parlare per la prima volta dell’esistenza della lettera durante una cena nel 2019. Dopo molte ricerche, l’ha finalmente ricevuta nel 2021. La lettera era firmata da Karel V, ma il suo contenuto sono torbide Era incomprensibile, secondo Piero. Il team LORIA ha impiegato sei mesi per decifrare il messaggio.


citazioni

Intere parole sono codificate con un singolo simbolo

Cécile Pierrot

svolta

Utilizzando i computer, Pierrot è stato in grado di identificare “diverse famiglie” di circa 120 simboli utilizzati da Carlo V. “Le parole intere erano codificate con un unico simbolo” e l’imperatore sostituì le vocali che venivano dopo le consonanti con altre lettere. Per questo potrebbe essere stato ispirato dalla lingua araba, secondo il crittografo. Inoltre, ha anche usato simboli privi di significato per fuorviare gli avversari che avrebbero cercato di decifrare il messaggio.

La vera svolta è arrivata a giugno, quando Piero è riuscito a decifrare una frase del messaggio. Il team è stato quindi in grado di decifrare il codice, con l’aiuto dello storico Camille Disinclus. “È stato un lavoro lungo e duro”, dice, “ma in un giorno è avvenuta una svolta davvero importante in cui improvvisamente abbiamo avuto la premessa giusta”.

Camillo Disinclus.

Camillo Disinclus. © Afp

Anche un altro messaggio di Jean de Saint-Maurice, in cui il destinatario ha scritto a margine una sorta di codice di trascrizione, ha aiutato a decifrare. “È raro che uno storico legga una lettera che nessuno è stato in grado di leggere in cinque secoli”, afferma Camille Disinclus.

complotto omicida

Una volta decifrata, la lettera conferma il deterioramento dei rapporti tra Francesco I e Carlo V nel 1547, nonostante avessero firmato un trattato di pace tre anni prima. I due re rimasero molto sospettosi l’uno dell’altro ed entrambi fecero diversi tentativi per indebolirsi a vicenda. La lettera rivelava anche la voce di un tentativo di omicidio pianificato contro Carlo V in Francia, secondo Disinclus. Finora non si sa molto di questa voce, ma la lettera chiarisce la paura del re.

I ricercatori ora sperano di conoscere altre lettere dell’imperatore e del suo ambasciatore in Europa, per farsi un’idea della strategia di Carlo V in Europa. “È probabile che faremo altre scoperte nei prossimi anni”, afferma Disinklaus.

Francia Agenzia di stampa

© Afp

Le ossa di animali feroci e i resti di merende pubbliche rinvenuti sotto il Colosseo

Gli archeologi fanno un’importante scoperta archeologica in Toscana

READ  La lunga attesa in Francia: quasi 1.000 chilometri di ...