QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Un messaggio per i vaccinatori che vanno al lavoro o che si ammalano” – Notizie finanziarie ed economiche – Tendenze

“Sono totalmente vaccinato, dev’essere un raffreddore” non è la strategia migliore per tenere aperto il mondo della libertà. Ecco cosa dice l’editor di tendenze Stijn Fockedey.

Ciao, sono Stefano. Sono completamente vaccinato e in buona salute, tuttavia ho il COVID-19 da qualche giorno, trasmesso da un’altra persona vaccinata. Sembra che la variante delta possa insinuarsi dopo aver difeso la vaccinazione completa più volte di seguito. Per il resto, i vaccini fanno ancora un ottimo lavoro. Nessuno del gruppo di cui faccio parte si è mai ammalato gravemente, quindi è in qualche modo limitato dalla miseria pratica. Ma il mio infortunio e almeno altri quattro avrebbero potuto essere evitati.

La scorsa settimana, una persona a me vicina è risultata positiva per un autotest dopo essersi sentita davvero male e aver mostrato sintomi di Covid. Abbiamo subito isolato l’intera bolla. I successivi test PCR hanno dato qualche speranza che sarebbe sopravvissuto con quella contaminazione. Ma dopo sei giorni mi sono ammalato e ho scoperto che anch’io avevo un risultato “fortemente positivo”. Sono completamente catering. Di conseguenza, per il momento resta da essere completamente fuori strada per un giorno e poi un raffreddore costante, un lieve mal di testa, stanchezza e difficoltà di concentrazione.

Faccio parte di un gruppo di almeno cinque infezioni confermate, compresi bambini piccoli non vaccinati, che è una fonte. Ho avuto qualcuno che due settimane fa si è seduto a un tavolo con qualcuno che aveva avuto il raffreddore per un po’. Ma non è stato testato – positivo – fino a quando i suoi “stimolatori” non sono tornati positivi. Fu-fu-fu. Le frittelle verranno spinte più volte alle estremità successive.

Un messaggio ai vaccinatori che vanno al lavoro o alle feste malati.

Mi piacerebbe molto che questo incidente si trasformasse al più presto in un aneddoto sulla tavola delle feste, che può essere o meno ridicolo a disagio. Ma non siamo ancora lontani. Tutti gli interessati devono continuare a riprendersi con attenzione. C’è anche una certa tensione sul fatto che ci sia un’altra infezione, forse anche in persone che, nonostante una vaccinazione completa, sono ancora ricoverate in ospedale a causa della loro età o condizioni di salute. Una quindicina di persone sono in isolamento o in quarantena da almeno una settimana, compresi i miei figli. Sono ancora giovani da vaccinare. Sono rimasto impressionato per un anno e mezzo da quanto siano maturi nell’affrontare tutto lo stress dell’aura. Volevo salvarli dal perdere l’inizio dell’anno scolastico e dal rivedere i loro amici.

READ  I social network influenzano l'incidenza e l'incidenza del diabete di tipo 2

La mia convinzione in un ritorno sostenibile e rapido ai tempi normali ha subito un duro colpo. Tutti nel nostro gruppo potrebbero essere stati preda di una variante delta. Ovviamente può penetrare nelle difese di una persona sana che è stata vaccinata due volte almeno tre volte di seguito. Ancora una volta, nessuno del gruppo è finito in ospedale, nemmeno il paziente polmonare. I vaccini funzionano. Sono una manna dal cielo.

Sono totalmente vaccinato, dev’essere un comune raffreddore” non è la strategia migliore per tenere aperto il mondo della libertà.

Ma se questa variante delta fosse così astuta dappertutto, ci sarebbero comunque parecchi successi. Il virus viene trasmesso prima che compaiano i sintomi. E non siamo neanche ingenui. Il desiderio di ignorare i sintomi lievi e dimenticare il corona è presente in tutti. Quindi non sono un fan del fatto che tutti i bar possano uscire e ballare “feste private” nei caffè in questo momento, o la rapida abolizione dell’obbligo della mascherina sul posto di lavoro sostenuta dal sindacato dei datori di lavoro Voka.

Sfortunatamente, il mio gruppo non sarebbe l’unico che si sarebbe potuto evitare con più vigilanza e cautela. Resta a casa se sei malato o hai sintomi lievi e consulta il medico, anche dopo una vaccinazione completa. Il coronavirus ci ha dato pochissimo margine per commettere errori per un anno e mezzo, e purtroppo rimarrà così per un po’.

“Sono totalmente vaccinato, dev’essere un raffreddore” non è la strategia migliore per tenere aperto il mondo della libertà.

Ciao, sono Stefano. Sono completamente vaccinato e in buona salute, tuttavia ho il COVID-19 da qualche giorno, trasmesso da un’altra persona vaccinata. Sembra che la variante delta possa insinuarsi dopo aver difeso la vaccinazione completa più volte di seguito. Per il resto, i vaccini fanno ancora un ottimo lavoro. Nessuno del gruppo di cui faccio parte si è mai ammalato gravemente, quindi è in qualche modo limitato dalla miseria pratica. Ma avrei potuto evitare il mio contagio e almeno altri quattro.La scorsa settimana, una persona a me vicina è risultata positiva a un autotest, dopo essersi sentita davvero male e aver mostrato sintomi di Covid. Abbiamo subito isolato l’intera bolla. I successivi test PCR hanno dato qualche speranza che sarebbe sopravvissuto con quella contaminazione. Ma dopo sei giorni mi sono ammalato e ho scoperto che anch’io avevo un risultato “fortemente positivo”. Sono completamente catering. Di conseguenza, sarà una giornata completamente fuori dagli schemi al momento, poi un raffreddore costante, un lieve mal di testa, stanchezza e difficoltà di concentrazione. Faccio parte di un gruppo di almeno cinque infezioni confermate, compresi bambini piccoli non vaccinati, che si ricordano di portare una fonte. Ho avuto qualcuno che due settimane fa si è seduto a un tavolo con qualcuno che aveva avuto il raffreddore per un po’. Ma non è stato testato – positivo – fino a quando i suoi “stimolatori” non sono tornati positivi. Fu-fu-fu. Questo pagherà per le torte molte volte alle feste imminenti. Vorrei davvero che questo incidente si trasformasse il più rapidamente possibile in un aneddoto sul tavolo della festa, che può essere deriso o meno goffamente. Ma non siamo ancora lontani. Tutti gli interessati devono continuare a riprendersi con attenzione. C’è anche una certa tensione sul fatto che ci sia un’altra infezione, forse anche in persone che, nonostante una vaccinazione completa, sono ancora ricoverate in ospedale a causa della loro età o condizioni di salute. Una quindicina di persone sono in isolamento o in quarantena da almeno una settimana, compresi i miei figli. Sono ancora giovani da vaccinare. Sono rimasto impressionato per un anno e mezzo da quanto siano maturi nell’affrontare tutto lo stress dell’aura. Vorrei averli salvati dal perdere l’inizio dell’anno scolastico e dal rivedere i loro amici. La mia convinzione in un ritorno permanente e rapido ai tempi normali è stata inferta un duro colpo. Tutti nel nostro gruppo potrebbero essere stati preda di una variante delta. Ovviamente può penetrare nelle difese di una persona sana che è stata vaccinata due volte almeno tre volte di seguito. Ancora una volta, nessuno del gruppo è finito in ospedale, nemmeno il paziente polmonare. I vaccini funzionano. È una manna dal cielo, ma se questa variante di Delta fosse così astuta dappertutto, ci sarebbero comunque parecchie vittime. Il virus viene trasmesso prima che compaiano i sintomi. E non siamo neanche ingenui. Il desiderio di ignorare i sintomi lievi e dimenticare il corona è presente in tutti. Quindi non sono un fan di permettere che tutti i pub e le “feste private” siano sospese nei caffè in questo momento, o la rapida abolizione dei requisiti della maschera per la bocca sul posto di lavoro sostenuta dal sindacato dei datori di lavoro Voka. Avrebbe potuto essere evitato con più vigilanza e cautela. Resta a casa se sei malato o hai sintomi lievi e consulta il medico, anche dopo una vaccinazione completa. Il coronavirus ci ha dato pochissimo margine di errore per un anno e mezzo e purtroppo rimarrà così per un po’. “Sono completamente vaccinato, dev’essere un comune raffreddore” non è la strategia migliore per tenere aperto il mondo della libertà.

READ  Un nuovo record per la vernice più bianca di sempre